Perché investire nella banda ultra larga | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché investire nella banda ultra larga

banda_largaChe i benefici di una larga diffusione della banda ultra larga in Italia siano molti è cosa nota, eppure il nostro Paese è ancora piuttosto indietro rispetto al resto d’Europa. Dallo studio Assessing the sectoral effects of ICT investments: the case of broadband networks, redatto da un gruppo di ricerca dell’Università capitolina La Sapienza, è emerso infatti che solo il 21% degli italiani accede a connessioni veloci – oltre i 30 megabyte al secondo – contro il 62% della media dell’Unione europea. Altro dato interessante emerso dall’analisi è quello che sottolinea come, nonostante un timido aumento, la quota di imprese di dimensione più ridotta che utilizza connessione veloce sia più esigua rispetto alle imprese di dimensioni più elevate: il 12,3% contro il 40,1%.
Non solo, secondo uno studio realizzato da Akamai Technologies, sullo stato di internet nel mondo, l’Italia viaggia in media a 8,2 megabyte al secondo, oltre la media globale (pari a 6,3 Mbps) ma al di sotto della velocità media registrata in molti Paesi europei, tanto da occupare il 54esimo posto nella classifica mondiale e il 28esimo in quella dell’area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa). Tenendo conto solo dell’Unione Europea, l’indice Desi ci pone agi ultimi posti della graduatoria, stilata in base alla diffusione della banda larga nel Paese, e all’ultimo posto per la diffusione della banda ultra larga. Appena al di sopra della Grecia.
Ma perché è importante investire nella banda larga? Oltre a migliorare la qualità della vita delle persone, investire nella connessione veloce consentirebbe alle imprese di aumentare la propria produttività, con vantaggi anche dal punto di vista occupazionale.
Secondo la Banca mondiale, infatti, aumentare di dieci punti percentuali la penetrazione di banda larga in un Paese, garantirebbe allo stesso una crescita del Pil dell’1,2%. O ancora: stando ad uno studio di Ericsson ogni aumento del 10% del tasso di penetrazione della banda larga, oltre a garantire un incremento del Prodotto interno lordo, consentirebbe la creazione diretta di ottanta nuovi posti di lavoro. Senza contare che il raddoppio della velocità stessa della connessione assicurerebbe una crescita aggiuntiva del Pil dello 0,3%.

 

Scrivi una replica

News

Conte: «Non riteniamo necessaria alcuna manovra correttiva»

«Non riteniamo necessaria alcuna manovra correttiva, dobbiamo solo continuare nel razionale ed efficace utilizzo delle risorse già stanziate». Lo ha detto il presidente del Consiglio,…

21 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato immobiliare, nel terzo trimestre 2018 compravendite in calo su base trimestrale

«Nel terzo trimestre 2018 le convenzioni notarili di compravendita e le altre convenzioni relative ad atti traslativi a titolo oneroso per unità immobiliari (175.102) diminuiscono dello…

21 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Bruxelles: «Non abbiamo preso ancora nessuna decisione sui conti pubblici italiani»

 «Non abbiamo discusso» dei “country report”, «non abbiamo preso nessuna decisione» sui conti pubblici italiani. Lo ha detto il portavoce del presidente della Commissione europea,…

21 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tav, Salvini: «Risparmiare dove si può e andare avanti»

«La TAV? L’obiettivo è rivedere il progetto, risparmiare dove si può risparmiare e andare avanti». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, intervenendo al…

21 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia