Povertà: le famiglie numerose quelle più colpite | T-Mag | il magazine di Tecnè

Povertà: le famiglie numerose quelle più colpite

famiglia_crisiCrescere e mantenere un figlio è un ingente costo già dal primo anno di vita. Nello specifico, secondo l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, nel 2015 il costo è variato da un minimo di 6.809 euro ad un massimo di 14.852 euro, con un aumento medio dell’1% e del 3% rispetto al 2014. Considerate la crisi economica e politiche che non sempre hanno garantito tutele adeguate per le giovani coppie, quasi non stupisce il recente dato dell’Eurostat sul tasso di natalità in Italia. Che è tra i più bassi in assoluto dell’Ue, confermando perciò un trend che ormai appare consolidato. Qualche numero: l’anno scorso le nascite sono state circa 486 mila in Italia, 801 mila in Francia, 777 mila nel Regno Unito e 738 mila in Germania.
I recenti dati sulla povertà in Italia diffusi dall’Istat (nel 2015 si stima che le famiglie residenti in condizione di povertà assoluta siano pari a 1 milione e 582 mila e gli individui a 4 milioni e 598 mila, il numero più alto dal 2005) pongono l’attenzione proprio sulle famiglie.
Tra le persone coinvolte, spiega l’Istat, due milioni e 277 mila sono donne (7,3% l’incidenza), un milione e 131 mila sono minori (10,9%). In altre parole un minore su dieci nel 2015 si è trovato in una situazione di povertà assoluta (3,9% nel 2005).
Nel dettaglio si scopre che sono peggiorate le condizioni delle famiglie di quattro componenti (l’incidenza della povertà assoluta sale al 9,5% nel 2015 dal 6,7% dell’anno precedente), in particolare delle coppie con due figli (che passa dal 5,9 all’8,6%). Inoltre livelli elevati di povertà assoluta si osservano per le famiglie con cinque o più componenti (17,2%), soprattutto se coppie con tre o più figli (13,3%) e famiglie di altra tipologia, con membri aggregati (13,6%). L’incidenza sale se in famiglia ci sono almeno tre figli minori (18,3%).
L’Italia, insomma, è tra i paesi europei in cui la crisi ha avuto un impatto negativo non trascurabile sulle famiglie. Condizioni lavorative precarie dei padri e madri non occupate perché non riescono a coniugare vita lavorativa e famiglia, sono di norma le cause che favoriscono la povertà dei minori. Ma anche in altre realtà i tagli alle politiche di sostegno e al welfare hanno provocato una netta discrepanza, con il segmento di popolazione più giovane a rischio povertà: in Europa – dati Eurostat – lo è un bambino su quattro.

 

Scrivi una replica

News

Prezzi al consumo, a luglio inflazione invariata su base mensile

«Nel mese di luglio 2019, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una variazione…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in calo

Nel secondo trimestre 2019 il Prodotto interno lordo del Regno Unito è diminuito dello 0,2%. Lo ha reso noto l’Office for National Statistics – l’Ufficio…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Andare al voto non è un problema»

«Nessun problema ad andare al voto. Anzi, dopo quel che è successo ci corriamo alle urne». Lo ha scritto il vice presidente del Consiglio e…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Codacons: «Stangata da 1.200 euro a famiglia con aumento Iva»

La crisi di Governo costerà miliardi di euro all’economia italiana, e porterà in prima battuta all’aumento delle aliquote Iva a partire dal 2020. Lo afferma…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia