I risultati di Ibm, Netflix e Yahoo! | T-Mag | il magazine di Tecnè

I risultati di Ibm, Netflix e Yahoo!

netflixCome di consueto, a luglio le grandi aziende tecnologiche cominciano a diffondere i risultati finanziari del secondo trimestre. I primi ad arrivare sono quelli di Ibm, Yahoo! e Netflix, dai quali però non giungono buone notizie, almeno in parte.
Yahoo!, per esempio, ha registrato un aumento della perdita trimestrale rispetto allo scorso anno, passando da 21,55 milioni di dollari (o due centesimi per azione) a 439,9 milioni di dollari (o 49 centesimi per azione). Al contrario, nel periodo considerato si è registrato un aumento dei ricavi, arrivati a toccare gli 1,31 miliardi di dollari. Bisogna comunque considerare che il dato è stato rivisto in base ad un calcolo diverso rispetto agli anni passati, altrimenti i ricavi si sarebbero attestati a 1,06 miliardi di dollari, in calo rispetto ai 1,24 miliardi dello stesso trimestre del 2015 e in linea con e attese (1,08 miliardi).
Immancabilmente il titolo ne ha risentito nell’after hour: al Nasdaq ha perso lo 0,26% dopo il +0,6% registrato prima della chiusura dei mercati. Chi ha subito un vero e proprio tonfo in borsa è però Netflix, perdendo il 15% nel dopo mercato.
Il servizio streaming, infatti, nonostante abbia riportato un aumento consistente degli utenti, per gli investitori si tratta comunque di un aumento troppo lento, tanto da non riuscire a superare le stime degli analisti. Le previsioni indicavano, infatti, 2,5 milioni di utenti in più mentre i dati definitivi hanno riportato un aumento di “soli” 1,7 milioni di utenti. Nel secondo trimestre Netflix ha registrato ricavi per 2,11 miliardi di dollari, in aumento rispetto ai 1,65 miliardi dello stesso periodo del 2015. Gli utili sono aumenti da sei centesimi per azione a nove.
Per quanto riguarda l’Ibm, nel secondo trimestre il fatturato è sceso del 2,8% rispetto all’analogo periodo dello scorso anno, passando da 20,81 miliardi di dollari a 20,40 miliardi. Giù anche gli utili, da 3,45 miliardi a 2,5 miliardi di dollari. Nonostante i ribassi, i risultati si sono comunque presentati oltre le attese, consentendo al titolo di segnare un +3% in borsa.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «A dicembre produzione nelle costruzioni in crescita dello 0,2% su base mensile e in calo su base trimestrale5»

«A dicembre 2018 si stima una crescita congiunturale dell’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni (+0,2%), anche se con una intensità inferiore rispetto all’incremento registrato nel…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, rimpatriata la figlia dell’ex ambasciatore a Roma che aveva disertato

La Corea del Nord ha rimpatriato con forza la figlia dell’ex ambasciatore nordcoreano a Roma Jo Song-gil, che dallo scorso novembre non si hanno più…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 56,22 dollari al barile e Brent a 66,40 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 56,22 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 66,40 dollari.…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 268 punti

All’avio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 268 punti.…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia