Fumo, alcol e gli altri fattori di rischio per la salute | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fumo, alcol e gli altri fattori di rischio per la salute

alcol“Fattori di rischio per la salute: fumo, obesità, alcol e sedentarietà” è il titolo del rapporto Istat del 2015 sui comportamenti nocivi e le abitudini errate. L’anno scorso, il 19,6% della popolazione di 14 anni ha dichiarato di essere un fumatore, circa 10,3 milioni di persone, il 22,8% di aver fumato in passato, mentre il 56,3% di non aver mai fumato. Dichiarano di fumare il 15% delle donne e il 24,6% degli uomini. La percentuale dei fumatori è comunque scesa del 23,7% tra il 2001 e il 2015, mentre la quota più elevata di fumatori si riscontra nella fascia di età compresa tra i 25 e i 34 anni, 33%, quella delle fumatrici nella classe di età 55 – 59 anni, 20,8%.
Il 45,1% della popolazione di 18 anni, sempre nel 2015, ha ammesso di avere problemi di peso. Il 35,3% ha dichiarato di essere in sovrappeso, il 9,8% obeso. Solo la metà degli italiani, il 51,8% ha un peso normale, mentre il 3% è sottopeso. L’eccesso di calorie continua ad aumentare nel tempo, soprattutto tra i maschi dal 51,2% del 2001 al 54,8% di oggi. Bambini e adolescenti in eccesso di peso raggiungono la quota del 24,9%, mentre i ragazzi sono molto più numerosi delle ragazze: 28,3% contro il 21,3%. Per quanto riguarda l’uso di alcol, il 64,5% della popolazione di 11 anni lo ha consumato almeno una volta nel corso dell’anno. La bevanda alcolica preferita degli italiani resta il vino e viene consumato dal 52,2% delle persone. Il 46,4% preferisce la birra e il 42,1% aperitivi alcolici, amari, superalcolici o liquori. La percentuale di consumatori giornalieri di bevande alcoliche è scesa tra il 2003 e il 2015 dal 31,1% al 22,2%. In aumento la quota di chi consuma alcol occasionalmente, dal 37,7% al 42,3% e di chi beve alcolici fuori dai pasti dal 24,8% al 27,9%. Il 15,7% della popolazione ha comportamenti di consumo di alcol che eccedono le raccomandazioni per non incorrere in problemi di salute, comportamenti che vengono osservati più frequentemente tra gli ultrasessantacinquenni, il 36,4% degli uomini e il 9% delle donne, tra i giovani 18 – 24 anni, 23,1% e 9,1% e tra gli adolescenti di 11 – 17 anni, 22,4% e 15,6%.
Gli italiani sono sempre più sedentari. Nel 2015, 23 milioni e 524 mila persone, il 39,9% della popolazione di tre anni e più ha dichiarato di non praticare sport, né attività fisica nel tempo libero. E’ sedentario il 44,3% delle donne contro il 35,1% degli uomini. I comportamenti a rischio per la salute spesso si trasmettono dai genitori ai figli: fuma il 30,2% dei giovani fino a 24 anni che vivono con i genitori fumatori, solo l’11,9% se nessun genitore fuma, il 48,4% dei giovani è sedentario se lo sono anche i genitori, 7,7% se i genitori non lo sono. Simili evidenze si riscontrano anche per quanto riguarda l’eccesso di peso e il consumo non moderato di alcol. Il 76,5% della popolazione adulta di 18 anni adotta comportamenti a rischio tra quelli considerati, il 37,2% della popolazione ne presenta almeno due, mentre l’8,4% associa tre o quattro comportamenti non salutari. I fenomeni di sedentarietà ed eccesso di peso, che molto frequentemente sono associati fra loro, rappresentano un rischio per oltre la metà degli adulti, 52,1%.
Anche alcol e fumo sono frequentemente associati, soprattutto tra gli uomini. Il 29,9% dei fumatori e il 27,1% degli ex fumatori adottano un comportamento di consumo eccessivo di alcol contro il 16% dei non fumatori. Il consumo di tabacco, che secondo le stime dell’Oms determina il 10% dei decessi tra le persone adulte di tutto il mondo, è forse la causa principale di morte evitabile. In Italia dagli anni ’80 il tabacco è in progressivo calo, grazie anche alle leggi varate contro il fumo.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, incontro Juncker-Conte in programma per mercoledì

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, incontrerà quello della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, per discutere della manovra italiana, mercoledì 12 dicembre, a Bruxelles. Lo ha…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, sono 164 i Paesi che hanno aderito al Global compact for Migration

Sono 164 i Paesi che hanno aderito per acclamazione, durante il vertice di Marrakech, al Global compact for Migration, il patto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Bruxelles: «L’accordo raggiunto non rinegoziabile»

«Il nostro assunto di lavoro resta che la Gran Bretagna lascerà l’Ue il 29 marzo 2019» e che l’accordo raggiunto sia «l’unico possibile», «non rinegoziabile»,…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May annuncia alla Camera dei Comuni il rinvio del voto sull’accordo

«Se il voto fosse andato avanti, sarebbe stato bocciato con ampio margine». Lo ha detto la premier britannica, Theresa May, motivando il rinvio del voto…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia