Prezzi sempre più giù. I rischi per l’Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prezzi sempre più giù. I rischi per l’Italia

consumi_crisi_economicaLa CGIA di Mestre sottolinea che, qualora la discesa dei prezzi registrata recentemente – nel primo semestre del 2016 i prezzi al consumo sono diminuiti dello 0,2% – dovesse proseguire, l’Italia potrebbe far registrare, per la prima volta dal 1959, una variazione dei prezzi negativa.
Secondo l’ultima analisi dell’Ufficio Studi della CGIA di Mestre, su 200 voci di prodotto analizzate la deflazione si è verificata in ben 68 casi.
Oltre a considerare i prodotti hi-tech, dove il progresso tecnologico determina una naturale riduzione dei prezzi, e quelli energetici – gasolio e benzina hanno beneficiato di un prezzo del petrolio basso, al di sotto dei 50 dollari al barile, per tutto il primo semestre del 2016 –, l’analisi ha analizzato oltre un centinaio di prodotti, registrando una diminuzione dei prezzi anche tra quelli alimentari.
In particolare, la CGIA di Mestre sottolinea che il deprezzamento dei prodotti alimentari – pomodori, insalata, zucchero e gelati sono quelli che hanno subìto i cali maggiori – testimonia le difficoltà economiche delle famiglie italiane: del resto, la debolezza della domanda di beni e servizi è la prima causa della deflazione.
Ma la deflazione porta i consumatori a rinviare gli acquisti in quanto l’abbassamento dei prezzi incentiva l’accumulo di liquidità nell’attesa che scendano ancora.
Un’eventuale (e ulteriore) calo dei consumi potrebbe avere un impatto negativo sul tessuto imprenditoriale: la CGIA osserva che le micro-imprese “vivono quasi esclusivamente” dei consumi interni che dipendono (naturalmente) dalla capacità di spesa dei consumatori italiani.

 

Scrivi una replica

News

Commercio, a giugno export dei prodotti industriali in crescita

«A giugno 2018 si stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+4,6%) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,3%). Il sostenuto incremento congiunturale…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in crescita dello 0,4% su base mensile

Nel secondo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo del Regno Unito è cresciuto dello 0,4% su base mensile. Lo rende noto l’Office for Nationals Statistics,…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in crescita dello 0,5% nel secondo trimestre

Il Pil del Giappone nel secondo trimestre del 2018 ha registrato una crescita dello 0,5% su base trimestrale e dell’1,9% su base annuale. I dati…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Usa raddoppia dazi su metalli della Turchia, passando dal 10 al 20%»

«Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull’acciaio e l’alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, è in rapido calo nei…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia