Cresce lʼincidenza delle imprese del Sud | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cresce lʼincidenza delle imprese del Sud

sudTra aprile e giugno 2016 le aziende iscritte nel Registro delle imprese delle Camere di Commercio sono aumentate di 38mila unità, una buona parte delle quali – il 38,1%, pari a 14.500 unità – è residente nel Sud del Paese.
Un risultato che, osserva UnionCamere, evidenzia la crescente partecipazione dell’imprenditoria meridionale al saldo nazionale degli ultimi anni: dal 2008 ad oggi, la quota del saldo nazionale delle imprese meridionali è aumentata, passando dal 29% al 38,1% del secondo trimestre di quest’anno.
Il dato non deve trarre in inganno, però: secondo gli imprenditori italiani, il Sud presenta ancora molte criticità. Un’indagine della SVIMEZ, l’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno, condotta su un campione di 225 imprese che impiegano almeno 20 addetti, osserva che diversi fattori – servizi di trasporto inefficienti, criminalità organizzata… – giocano a sfavore delle regioni meridionali, che vengono percepite come un luogo meno ideale rispetto alle quelle settentrionali – secondo lo SVIMEZ, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto sono le regioni ‘preferite’ dagli imprenditori – dove poter aprire un’attività.
Le imprese meridionali offrono un contributo importante anche sul fronte occupazionale, naturalmente. UnionCamere osserva che il Mezzogiorno è stato “determinante” per la crescita del lavoro dipendente nel commercio – 38mila i posti di lavoro in più, pari al 59% dell’incremento complessivo nei cinque anni – e nei servizi alla persona, in cui con 6mila addetti dipendenti in più hanno determinato il 54% della crescita totale del periodo.

 

Scrivi una replica

News

Rifiuti, firmato protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi

Firmato durante una riunione di governo a Caserta il protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi, una vasta area tra le province di…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Patuelli: «Uscire dall’euro sarebbe assolutamente una pazzia»

«Uscire dall’euro? Sarebbe assolutamente una pazzia, una devastazione economica. Non se ne parla più e ora si ragioni prospetticamente per usufruire dei vantaggi della moneta…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abi: «Uno spread Btp-Bund a 300 punti avrà un impatto negativo sui prestiti»

Uno spread Btp Bund a «300 punti non è coerente con i fondamentali dell’economia». Lo hanno detto i vertici dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana, intervenendo nel…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: «Siamo ad un momento decisivo»

«Siamo ad un momento decisivo» per la Brexit. Lo ha detto il capo negoziatore della Commissione responsabile per la Brexit, Michel Barnier, intervenendo nel corso…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia