Tregua olimpica, utopia o reale possibilità? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Tregua olimpica, utopia o reale possibilità?

di Silvia Capone

olimpiadiIl segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon lancia un appello a tutti i paesi del mondo, attraverso un video pubblicato su un social network, in cui auspica ed esorta una Tregua Olimpica, ovvero un periodo di “cessate il fuoco” almeno per la durata dei giochi di Rio 2016. La pace temporanea era in uso già per le Olimpiadi antiche, i greci infatti necessitavano di questo accordo per far circolare senza rischi spettatori e atleti e per non ostacolare lo svolgimento stesso dei giochi. Nonostante gli esempi e le premesse, la Tregua Olimpica non ha riscosso consensi da parte dei paesi protagonisti di conflitti, tanto che il principio di base è stato rovesciato durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale nelle quali la competizione olimpica è stata sospesa proprio a causa delle azioni belliche, nel 1916, 1940 e 1944.
Dal 1992 il Comitato Olimpico Internazionale chiede ufficialmente alla comunità mondiale, con il supporto dell’Onu, di deporre le armi nel periodo dei giochi, cessando ogni guerra interna e esterna ai paesi. Da allora però nessun paese coinvolto in scontri armati ha accettato l’invito, anzi il caso più eclatante è avvenuto in occasione delle Olimpiadi di Pechino 2008 durante le quali scoppiò il conflitto tra Russia e Georgia. Un altro piccolo, ma solo formale, passo avanti per garantire un periodo di pace è stato apportato con la “Dichiarazione del Millennio” adottata nel 2000 dai 193 stati membri dell’Onu, in cui oltre a obiettivi comuni di sviluppo e parità, si stipula un impegno a rispettare la Tregua Olimpica. La sospensione dei conflitti, come informale accordo è stato più volte messo in discussione nel corso delle Olimpiadi moderne, anche dai paesi detti democratici, a causa di motivi politici. Infatti subito dopo i conflitti mondiali, (in occasione dei giochi del 1920 e 1948) le nazioni vincitrici impedirono agli stati sconfitti di partecipare ai giochi, infrangendo così l’intento di superare le vicende passate. La tregua non è stata sempre rispettata neanche nei luoghi delle Olimpiadi, utilizzate come palcoscenico di dimostrazioni nei primi boicottaggi del 1968 contro il razzismo negli Usa e di gesti eclatanti come l’attentato terroristico alle Olimpiadi di Monaco del 1972. Proprio di un atto simile si ha paura per i giochi di Rio 2016 a causa della situazione globale e del clima di terrore. È quindi utopico credere che l’appello del segretario generale dell’Onu sortirà i suoi effetti e che proprio questa volta l’ideale olimpico di comprensione tra nazioni attraverso lo sport abbia la meglio.

 

Scrivi una replica

News

Europee, Moavero: «L’immigrazione è la priorità futura dell’Unione europea»

«A mio parere» l’Europa del dopo voto dovrà affrontare «cinque priorità: la prima inevitabilmente, lo dico da italiano e da europeo e da cittadino del…

23 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Nostro obiettivo è fare terra bruciata alla mafia»

«Il nostro obiettivo è chiaro: fare terra bruciata alla mafia». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo nell’aula bunker dell’Ucciardone, a Palermo,…

23 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, a maggio indice Ifo in calo rispetto ad aprile

A maggio 2019, l’indice Ifo, che misura la fiducia delle imprese in Germania, è sceso a 97,9 dai 99,2 registrati ad aprile. Si tratta di…

23 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Consumi, rispetto al 2011 persi 60 miliardi di spesa

Negli ultimi otto anni il mercato interno italiano ha perso 60 miliardi di euro di spesa. È il dato allarmante sui consumi esposto oggi da…

23 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia