Lavoro: occupazione in crescita fino al 2017 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: occupazione in crescita fino al 2017

industria_chimicaL’Ufficio parlamentare di bilancio sottolinea che la crescita dell’occupazione prosegue a ritmi moderati, confermando la lenta ripresa del mercato del lavoro italiano dopo anni particolarmente difficili.
La crescita certificata dall’ISTAT – nel bimestre aprile-maggio, l’occupazione è aumentata dello 0,4% sul primo trimestre – è stata trainata dagli occupati a termine (+2,3%); mentre i dati dell’INPS sottolineano che il numero di assunzioni a tempo indeterminato si è ridotto fortemente ridotto nei primi 5 mesi del 2016 (280 mila unità in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente).
Dunque il mercato del lavoro italiano lancia segnali di ripresa – il lento miglioramento era stato sottolineato anche dall’OCSE nei giorni scorsi –, dopo anni particolarmente difficili. Secondo un’analisi di Unimpresa, basata sui dati della Banca d’Italia, tra il 2008 e il 2015 l’occupazione nell’Unione europea è diminuita di 2,1 milioni di unità (-0,97%) da 222,8 milioni a 220,7 milioni.
Lo studio osserva che il mercato del lavoro ha avuto andamenti opposti nelle economie che hanno adottato l’euro – nell’eurozona il totale dell’occupazione è diminuito di 3,2 milioni di unità, passando da 146,7 a 143,5 milioni (-2,21%) – e nel resto dei Paesi membri dell’Unione europea, dove gli occupati sono aumentati (+1,4%) da 76,1 milioni a 77,1 milioni.
Le zone d’ombra non mancano, purtroppo. Seppure in calo, la disoccupazione di lunga durata in Italia, che interessa coloro che sono alla ricerca di un occupazione da più di 12 mesi o 6 mesi se giovani con meno di 25 anni, è tra le più alte dei Paesi dell’area OCSE.
La ripresa del mercato del lavoro dovrebbe proseguire nei prossimi mesi. Nell’Employment Outlook, l’OCSE prevede che il tasso di occupazione della popolazione tra i 15 e i 74 anni toccherà il 49,8% nel quarto trimestre del 2017, in crescita dal 49,5% di fine 2016 e dal 48,8% del 2013, ma pur sempre inferiore al 51,6% di fine 2007.

 

Scrivi una replica

News

Regno Unito, Stephen Paul Barclay nominato ministro per la Brexit

Stephen Paul Barclay, 46 anni, è stato nominato ministro per la Brexit del Regno Unito. Barclay succede a Dominic Raab, dimessosi giovedì, poche ore dopo…

16 Nov 2018 / 1 Commento / Leggi tutto »

Asi, Piero Benvenuti nominato commissario straordinario dell’ente

Il decreto di commissariamento dell’ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana, che nomina l’astrofisico Piero Benvenuti come commissario straordinario dell’ente, succedendo all’ex presidente Roberto Battiston, e come sub…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, il 19 gennaio Horst Seehofer lascerà la guida della Csu

Il ministro dell’Interno tedesco, Horst Seehofer, lascerà la guida della CSU – l’Unione Cristiano-Sociale in Baviera, il partito fratello della CDU -, il 19 gennaio,…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, ad ottobre inflazione in crescita al 2,2%

Ad ottobre 2018, l’inflazione nell’Eurozona è cresciuta al 2,2%, in aumento dello 0,1% rispetto a settembre. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, confermando,…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia