I primi effetti della Brexit | T-Mag | il magazine di Tecnè

I primi effetti della Brexit

brexit_ueIn attesa di conoscere le eventuali misure che la Bank of England prenderà per contrastare gli effetti della Brexit, il processo di uscita del Regno Unito dall’Unione europea dopo il referendum di giugno, i diversi indicatori mostrano, al momento, un andamento dell’economia britannica altalenante. Se il mercato del lavoro segna ulteriori progressi, l’attività economica appare invece in frenata. Si era previsto, dopo l’esito del voto, un rallentamento che avrebbe dovuto riguardare anche l’Eurozona, cosa che effettivamente è stata osservata. Tuttavia, nonostante la Brexit e il timore di nuovi attentati, l’attività economica si è mantenuta nelle ultime settimane in territorio positivo.
Non si può dire altrettanto nel Regno Unito, dove l’indice Pmi manifatturiero – un indicatore utile a rilevare l’andamento dell’economia, osservando i risultati e le prospettive (su produzione, ordinativi, occupazione) di settori chiave dal lato delle aziende direttamente coinvolte – si è attestato a luglio a 49,1 punti, cioè al di sotto di 50 che separa espansione e contrazione. Soltanto nel mese precedente il valore era 52,1.
Anche l’indice Pmi delle costruzioni è sceso ulteriormente, ma già si trovava in territorio negativo: del resto quello delle costruzioni è tra i settori più colpiti della crisi economica e ancora oggi tra i più in difficoltà. La contrazione che spaventa maggiormente è quella relativa ai servizi, il cui livello torna indietro di sette anni, al 2009. A luglio l’indice è sceso a 47,4 punti da 52,3 di giugno. Il settore dei servizi rappresenta il maggiore contributo all’economia del Regno Unito.
Diversamente, però, il mercato del lavoro registra ancora buone performance. Tanto che a giugno il tasso di disoccupazione è sceso al 4,9% mentre che il numero dei senza lavoro che hanno fatto richiesta di un sussidio di disoccupazione è risultato pressoché invariato. Nei tre mesi precedenti il tasso di disoccupazione si era attestato al 5%, ora si colloca al livello più basso degli ultimi 11 anni.

 

Scrivi una replica

News

Rifiuti, firmato protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi

Firmato durante una riunione di governo a Caserta il protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi, una vasta area tra le province di…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Patuelli: «Uscire dall’euro sarebbe assolutamente una pazzia»

«Uscire dall’euro? Sarebbe assolutamente una pazzia, una devastazione economica. Non se ne parla più e ora si ragioni prospetticamente per usufruire dei vantaggi della moneta…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abi: «Uno spread Btp-Bund a 300 punti avrà un impatto negativo sui prestiti»

Uno spread Btp Bund a «300 punti non è coerente con i fondamentali dell’economia». Lo hanno detto i vertici dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana, intervenendo nel…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: «Siamo ad un momento decisivo»

«Siamo ad un momento decisivo» per la Brexit. Lo ha detto il capo negoziatore della Commissione responsabile per la Brexit, Michel Barnier, intervenendo nel corso…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia