Ue-19: esportazioni deboli, consumi su | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ue-19: esportazioni deboli, consumi su

bceNonostante la ripresa economica dell’Eurozona stia proseguendo, la Bce non esclude rischi al ribasso legati, da un lato, all’esito del referendum sulla Brexit e, dall’altro, alla debolezza della domanda estera dettata dalla crescita ancora contenuta dei Paesi emergenti. Pesano anche le tensioni geopolitiche. È il quadro, in pillole, disegnato dalla Bce nell’ultimo bollettino economico. Secondo la Banca centrale europea, infatti, il commercio mondiale ha di nuovo rallentato, riportando ad aprile un calo dello 0,6% del volume delle importazioni globali. In particolare si osserva un rafforzamento della crescita dell’interscambio dei Paesi avanzati e un ulteriore indebolimento di quello dei Paesi emergenti.
Nell’area dell’euro le esportazioni hanno mantenuto livelli bassi riportando, nel secondo trimestre, un nuovo rallentamento dell’export di beni. Andamenti dettati dalle performance negative delle vendite verso la Russia e verso l’America latina, bilanciate dall’andamento dell’esportazioni verso i Paesi europei extra Ue (tra cui anche il Reno Unito).
Sono dunque i consumi privati a sostenere la ripresa. Nel bollettino la Bce riferisce infatti di una crescita dello 0,6% tra il quarto trimestre del 2015 ed il primo del 2016, dettata dall’aumento del reddito disponibile delle famiglie (+2,1% nel primo trimestre), dal miglioramento del mercato del lavoro (nel primo trimestre l’occupazione è cresciuta dello 0,3% congiunturale e dell’1,4% tendenziale) e dal basso prezzo del petrolio.
Bene anche gli investimenti che, dopo l’accelerazione registrata a fine 2015, sono continuati a crescere nel primo trimestre del 2016, mostrando un aumento dello 0,8% rispetto al trimestre precedente. In questo contesto la Bce prevede margini di crescita futuri anche in caso di rischi al ribasso.

 

Scrivi una replica

News

Trattativa Stato-mafia: condannati gli ex vertici del Ros, assolto Nicola Mancino

Gli ex vertici del Ros, Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, l’ex senatore Marcello Dell’Utri, Massimo Ciancimino e i boss mafiosi Bagarella e…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Casellati: «Il capo dello Stato ha deciso di prendersi due giorni di riflessione»

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha deciso di prendersi due giorni di riflessione. Lo ha riferito la presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, dopo…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Berlusconi: «Nessun accordo è possibile con i 5 Stelle»

«Nessun accordo è possibile con i 5 Stelle, un partito che non conosce l’ABC della democrazia, che prova invidia sociale, formato solo da disoccupati, e…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Casellati: «Da consultazioni spunti di riflessione politica»

«Da consultazioni spunti di riflessione politica». Lo ha detto la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, intervenendo dal Quirinale. «Mattarella saprà individuare il percorso…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia