In calo le vendite di smartphone e tablet | T-Mag | il magazine di Tecnè

In calo le vendite di smartphone e tablet

italiani_smartphoneLa scorsa settimana, Tim Cook, l’amministratore delegato di Apple ha annunciato la vendita del miliardesimo iPhone. Una buona notizia per la casa di Cupertino che mitiga, in parte, la stagnazione del mercato degli smartphone a livello globale che, nel secondo trimestre di quest’anno, registra un debole +1% su base annua a quota 340,4 milioni di unità.
In testa alla classifica delle vendite c’è Samsung che conquista il 22,8% del mercato con 77,6 milioni di dispositivi commercializzati contro i 71,9 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. Al secondo posto Apple con l’11,9% del mercato contro il 14,1% registrato lo scorso anno sempre nel medesimo periodo. In calo le vendite dell’iPhone che sono passate dai 47,5 milioni dello scorso anno a 40,4 milioni. Huawei si consolida in terza posizione con il 9,4% del mercato e una crescita della vendita di smartphone del 5% con 32 milioni di device venduti, a fronte di un incremento del 52% riportato lo scorso anno.
Sorpresa per Oppo, l’azienda cinese vede crescere le vendite dei suoi smartphone del 137% passando dai 7,6 milioni di pezzi a 18 milioni, con una fetta di mercato che si attesta al 5,3%. Vendite in calo per Xiaomi che passano da 19,8 milioni a 14,7 milioni con un market share del 4,3% contro il 5,9% dello stesso periodo dell’anno scorso.
Anche il mercato dei tablet vive un momento di forte crisi. Già lo scorso anno IDC aveva previsto il calo del settore calcolando una diminuzione delle vendite del 3,8% con 44,1 milioni di tablet venduti. Le previsioni non sono state smentite e l’agenzia di ricerche e analisi di mercato ha confermato il trend negativo del momento: calo delle vendite del 12,3% con 38,7 milioni di unità commercializzate rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Apple si conferma, in questo mercato, al primo posto nelle vendite dei tablet totalizzando circa un quarto delle vendite globali pari al 25,8% con dieci milioni di device venduti nel secondo quadrimestre del 2016, contro gli 11 milioni dello stesso periodo del 2015. Al secondo posto stabile Samsung con una quota di mercato del 15,6% e una perdita su quota annuale del 24,5% passando a sei milioni di unità vendute contro le otto registrate lo scorso anno nello stesso periodo.
Periodo positivo per Amazon e Huawei che aumentano le loro quote di mercato rispettivamente del 4% e del 5,6% con quattro milioni di unità vendute per il tablet di Jeff Bezos (solo 100.000 unità vendute nel 2015) e 2,2 milioni per la società cinese (1,3 milioni nel 2015).
Gli analisti di IDC evidenziano una tendenza in atto che riguarda i cosiddetti ibridi, cioè i tablet convertibili che hanno una tastiera staccabile e possono essere usati come un pc portatile. Questi modelli insidiano soprattutto i tablet Android che perdono terreno nella competizione con i convertibili basati su sistema Windows e con i nuovi modelli Pro della Apple che includono la cover-tastiera o Smart Keyboard insieme all’uso del pennino.

 

Scrivi una replica

News

Rifiuti, firmato protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi

Firmato durante una riunione di governo a Caserta il protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi, una vasta area tra le province di…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Patuelli: «Uscire dall’euro sarebbe assolutamente una pazzia»

«Uscire dall’euro? Sarebbe assolutamente una pazzia, una devastazione economica. Non se ne parla più e ora si ragioni prospetticamente per usufruire dei vantaggi della moneta…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abi: «Uno spread Btp-Bund a 300 punti avrà un impatto negativo sui prestiti»

Uno spread Btp Bund a «300 punti non è coerente con i fondamentali dell’economia». Lo hanno detto i vertici dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana, intervenendo nel…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: «Siamo ad un momento decisivo»

«Siamo ad un momento decisivo» per la Brexit. Lo ha detto il capo negoziatore della Commissione responsabile per la Brexit, Michel Barnier, intervenendo nel corso…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia