Prezzi: si attenua la fase deflativa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prezzi: si attenua la fase deflativa

consumi_crisi_economicaDalle recenti diffusioni dell’Istat sulla conoscenza dei consumatori italiani dei principali indicatori economici riguardanti il nostro paese, è emersa una scarsa conoscenza dell’inflazione: il 41,6% del campione ha sentito parlare dell’argomento, mentre il 19,5% sostiene di non aver avuto questa opportunità. In generale la maggioranza degli intervistati ha risposto che l’inflazione è al 3,8%, ancora molto distante dal dato ufficiale (-0,2%, riferito a marzo 2016, periodo della rilevazione).L’inflazione, però, è un indicatore molto importante nonché, negli ultimi tempi, una delle principali cause di incertezza economica in Italia e nell’Eurozona. I livelli dell’inflazione continuano infatti a mantenersi bassi, rasentando la deflazione. E la Bce ritiene che si manterrà su valori simili ancora nei prossimi mesi.
La debolezza della domanda di beni e servizi è la prima causa della deflazione, che porta i consumatori a rinviare gli acquisti in quanto l’abbassamento dei prezzi incentiva l’accumulo di liquidità nell’attesa che scendano ancora. È proprio nelle prerogative della Bce conseguire nell’Eurozona un tasso di inflazione appena inferiore al 2%.
Nel mese di luglio, tornando all’Italia, l’Istat conferma un rallentamento della deflazione. I prezzi al consumo, infatti, calano su base annua dello 0,1% mentre risultano in lieve aumento su base mensile (+0,2%). I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona diminuiscono dello 0,7% su base mensile e aumentano dello 0,4% su base annua (da +0,2% di giugno).
Ecco che la percezione rilevata si può spiegare in questo modo: come già osservato nella nota mensile dell’Istat, l’intensità della tendenza deflazionistica appare più contenuta rispetto ai cinque mesi precedenti, per la quale continua a pesare la caduta dei prezzi energetici (-7% rispetto a luglio 2015), motivo per cui – forse – si registra tale discrepanza tra dati ufficiali e inflazione percepita. Negli ultimi mesi, poi, l’inflazione italiana è risultata più bassa rispetto all’insieme dei paesi dell’area dell’euro.
La timida risalita dei livelli inflazionistici è da considerare comunque positiva poiché una spirale negativa innescata da una prolungata fase deflativa potrebbe indebolire la domanda interna e, dunque, mettere a rischio la ripresa (con ripercussioni su produzione e occupazione).

@fabiogermani

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, ad ottobre inflazione in crescita al 2,2%

Ad ottobre 2018, l’inflazione nell’Eurozona è cresciuta al 2,2%, in aumento dello 0,1% rispetto a settembre. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, confermando,…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Settimana prossima sentirò Jean-Claude Juncker»

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, parlerà con il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, «a inizio della settimana» prossima» per concordare il loro prossimo…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Draghi si è impegnato per l’Italia, gli italiani e i loro risparmi»

Il presidente della Banca centrale europea Mario «Draghi si è impegnato per l’Italia, gli italiani e i loro risparmi». Lo ha detto il ministro dell’Interno…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Fatturato industria settembre stabile su base mensile e in crescita dello 0,6% su base annua»

«A settembre si stima che il fatturato dell’industria rimanga stabile in termini congiunturali; nella media degli ultimi tre mesi, l’indice complessivo cresce dello 0,2% sui…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia