In Italia record di giovani che non studiano e non lavorano | T-Mag | il magazine di Tecnè

In Italia record di giovani che non studiano e non lavorano

neetSono i cosiddetti Neet, acronimo di “Not (engaged) in education, employment or training”, in poche parole i giovani che non fanno nulla. E sono sempre di più i ragazzi nella fascia di età compresa tra i 20 e i 24 anni che rientrano in questa classificazione. A dirlo è l’Eurostat con lo studio dal titolo “Education, employment, both or neither? What are young people doing in the Eu?” pubblicato in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù e dedicato allo stato della disoccupazione giovanile.
Secondo la ricerca, in Italia, il fenomeno dei Neet interessa il 31,1% dei giovani, praticamente uno su tre non è impegnato nello studio, nel lavoro o nella formazione, un record (negativo) nell’area Euro che ci vede primi in questa particolare classifica, seguiti dalla Grecia con il 26,1%, dalla Croazia con il 24,2%, dalla Romania con il 24% e dalla Spagna e da Cipro entrambe con il 22,2%.
Ed è proprio in Italia che nel 2015 si registra l’incremento maggiore passando dal 21,6% del 2006 al 31,1% dello scorso anno. Un dato aumentato di quasi il 50% in dieci anni e cresciuto di ben 9,5 punti percentuali. Seguono la Grecia con +9,3, la Spagna con +9,0, Cipro con +8,5% e l’Irlanda con +7,8, tutti paesi che hanno fatto ricorso a programmi di assistenza finanziaria.
Olanda, Lussemburgo, Danimarca, Germania e Svezia sono le nazioni più virtuose con il dato che rimane al di sotto della soglia del 10%. In particolare la Germania è il paese in cui i Neet sono diminuiti maggiormente negli ultimi dieci anni scendendo dal 15,2% del 2006 al 9,3% del 2015 (-5,9 punti), seguono la Bulgaria con -5,3 punti, la Svezia con -3,4 punti, la Repubblica Ceca con -2,9 punti e la Polonia con -2,8 punti.
In generale, nell’insieme della Ue, Eurostat presenta i dati dividendo i giovani in tre fasce di cinque anni ciascuna (15-19, 20-24, 25-29 anni). Nella fascia 15-19 anni il 78,5% si occupa esclusivamente dello studio, l’11,3% studia e lavora, il 3,7% lavora, i Neet sono il 6,3%. Tra i 20-24 anni, il 33% studia, il 16,9% studia e lavora, il 32,6% lavora, i Neet salgono a 17,3%. Tra i 25-29 anni l’8,2% ancora studia, il 13,5% lavora e studia, il 58,5% lavora, ma i Neet salgono ancora al 19,2%.

 

Scrivi una replica

News

Jobs act, illegittima la norma sull’indennità al lavoratore ingiustificatamente licenziato

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima la norma sul contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti del Jobs Act nella parte in cui…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, Di Maio: «Moscovici non venga a farci la morale»

Il commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici, che ha invitato l’Italia a mantenere il deficit sotto il 2%, «quando era ministro…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «Sarà una manovra di crescita ma il debito deve scendere»

«Sarà una manovra di crescita, non di austerity, ma che non crea dubbi sulla sostenibilità del nostro debito, bisogna continuare nel percorso di riduzione del…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regina Paola di Belgio colpita da ictus

La regina Paola di Belgio è stata colpita da un ictus nel corso della notte di mercoledì 26 settembre, mentre si trovava a Venezia.…

26 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia