Giù le assunzioni a tempo indeterminato primo semestre 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giù le assunzioni a tempo indeterminato primo semestre 2016

disoccupazione_giovanile_lavoroL’ultimo Osservatorio sul precariato dell’INPS certifica che nel primo trimestre del 2016 si è verificato un calo delle assunzioni effettuate dal settore privato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Tra gennaio e giugno 2016 i datori di lavoro privati hanno effettuato 2.572.000 assunzioni, circa 302mila unità in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-10,5%). L’INPS osserva che il calo ha coinvolto “esclusivamente” i contratti a tempo indeterminato – nei primi sei mesi del 2016 ne sono stati sottoscritti 326mila unità in meno rispetto al 2015 (-33,4%) –, che lo scorso anno avevano beneficiato dell’abbattimento integrale dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per un triennio.
Le assunzioni a tempo determinato, registrate nel primo semestre del 2016 (1.808.000), sono invece cresciute rispetto sia allo scorso anno (+0,6%) che al 2014 (+2,7%). Nonostante il calo dei contratti a tempo indeterminato, l’INPS sottolinea che il saldo complessivo tra assunzioni e cessazioni rimane comunque positivo (+516mila).
Un contributo importante all’incremento occupazionale registrato lo scorso anno – nel 2015 ci sono stati 186mila occupati in più – può essere arrivato dai giovani imprenditori italiani. Nel suo ultimo rapporto annuale, l’ISTAT osservava che nel 2015 la performance occupazionale delle micro-imprese – ovvero quelle che impiegano meno di 10 addetti e fatturano meno di due milioni di euro l’anno – guidate da imprenditori giovani è stata migliore di quella delle unità gestite da imprenditori anziani. I giovani imprenditori hanno creato il 30% di posizioni lavorative in più rispetto ai colleghi più grandi d’età.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia: «Continua la richiesta di prestiti»

«Nel terzo trimestre la domanda di finanziamenti da parte delle imprese ha continuato a crescere. All’aumento delle richieste di prestiti hanno contribuito il basso livello…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Merkel apre all’import di gas dagli Stati Uniti

Wall Street Journal ha reso noto che Angela Merkel ha ceduto alle pressioni del presidente americano Donald Trump e offre il sostegno per cofinanziare la…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 69,16 dollari al barile e Brent a 79,50 dollari

All’avvio dei mercati il greggio texano Wti è stato scambiato a 69,16 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 79,50 dollari.…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 310 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 310 punti.…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia