Esselunga, Caprotti lascia il controllo della società alla moglie Giuliana e alla figlia Marina | T-Mag | il magazine di Tecnè

Esselunga, Caprotti lascia il controllo della società alla moglie Giuliana e alla figlia Marina

Bernardo Caprotti – l’imprenditore morto il 30 settembre, a quasi 91 anni di età – lascia Esselunga, una delle più importanti catene di supermercati d’Italia, alla moglie Giuliana e alla figlia Marina.
“Il 70% circa delle azioni rappresentanti il capitale sociale di Supermarkets Italiani S.p.A”, la holding di controllo di Esselunga, “ha formato oggetto di donazione in vita a favore del coniuge Giuliana Albera Caprotti e della figlia Marina Caprotti, in via tra loro congiunta”. Lo reso noto Stefano Tronconi, esecutore testamentario di Bernardo Caprotti, attraverso la diffusione di un comunicato stampa. Ai figli di primo letto, Violetta e Giuseppe, è andato il restante 30% delle quote, nella misura del 15% a testa.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, Moscovici: «Italia deve compiere ulteriori sforzi per il bilancio»

«L’Italia dovrebbe compiere ulteriori sforzi per il Bilancio 2019.È un passo nella giusta direzione, ma ancora non ci siamo, ci sono ancora dei passi da…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Conte: «Confidiamo di portare a casa una soluzione positiva»

«Da 2,4 scesi a 2,04 con il deficit. Reddito e quota 100 restano». Lo ha detto il premier italiano Giuseppe Conte. «Confidiamo di portare a…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Strasburgo, killer: «Vendetta per i fratelli siriani»

«Ho ucciso per vendicare i fratelli morti in Siria». Lo ha reso noto il quotidiano parigino Le Parisien, citando una testimonianza del conducente del taxi…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 51,55 dollari al barile e Brent a 60,44 dollari

All’avvio dei mercati il greggio texano è stato scambiato a 51,55 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 60,44 dollari.…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia