I risultati di Garanzia Giovani nell’Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

I risultati di Garanzia Giovani nell’Ue

Secondo Bruxelles, lʼiniziativa ha contribuito ad abbassare il tasso di disoccupazione giovanile e lʼincidenza dei NEET

lavoro_giovani_disoccupazioneIl programma Garanzia Giovani sta centrando gli obiettivi per il quale era stato lanciato dall’Unione europea nel 2013. Secondo Bruxelles, il programma ha dato un’opportunità di lavoro o di formazione a 9 milioni di giovani europei, contribuendo ad abbassare il tasso di disoccupazione giovanile, portandolo dal 24,4% del 2013 al 18,9% del 2016 (-5,5%).
La Commissione europea osserva che l’iniziativa ha ottenuto risultati positivi anche in Italia. A oltre due anni di distanza dal suo lancio – nel nostro Paese il programma è stato avviato il 1° maggio del 2014 –, il 64,1% dei ragazzi italiani, che ha accettato un’offerta di impiego o di formazione, a sei mesi dalla fine del progetto era di nuovo impiegato. Una percentuale superiore alla media europea, pari al 35,5%.
Va però osservato che, contrariamente a quanto accade nel resto dell’UE – il 70% delle proposte presentate ai ragazzi europei sono offerte di lavoro, mentre i tirocini e l’apprendistato rappresentano rispettivamente il 20% e il 10% delle proposte complessive –, nel nostro Paese il programma Garanzia Giovani propone principalmente tirocini (oltre il 60%) mentre le offerte di lavoro sono il 30%.
Secondo l’UE, l’iniziativa ha permesso di ridurre anche l’incidenza dei NEET – l’acronimo che sta per l’inglese Not in Education, Employment or Training e indica tutti quei giovani tra i 15 e i 24 anni che non lavorano né sono impegnati in percorsi di formazione o studio – d’età compresa tra i 15 e i 24 anni, abbassandola dal 13,2% del 2012 al 12% nel 2015 (anche se rimane ancora al di sopra dei livelli del 2008, quando l’incidenza era al 10,9%). Una notizia sicuramente positiva.
I NEET rappresentano un costo sociale ed economico, del resto: bisogna tener conto infatti della spesa pubblica provocata dall’inattività e delle entrate che non avvengono a causa della mancata partecipazione al mercato del lavoro di questa fascia di popolazione.
L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico (OCSE) stima che le capacità che vanno perse a causa dei NEET italiani rappresentano l’1,4% del Prodotto interno lordo (PIL) del nostro Paese. Peggio dell’Italia fanno soltanto Grecia (2%) e Turchia (3,4%).

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: «La domanda interna continua a sostenerne l’espansione»

«Anche se i dati sono più deboli di quanto atteso, a fronte di una domanda estera e di fattori specifici di Paesi e settori, la…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

BCE: da fine dicembre stop al QE, tassi invariati fino a estate 2019

Nella riunione odierna il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE) ha deciso che i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, slitta a dopo gennaio il voto di ratifica sugli accordi

Secondo quanto fatto trapelare dall’opposizione laburista attraverso un tweet, l’ordine dei lavori presentato oggi dalla ministra per i Rapporti con il Parlamento, Andrea Leadsom, prevede…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Moscovici: «Italia deve compiere ulteriori sforzi per il bilancio»

«L’Italia dovrebbe compiere ulteriori sforzi per il Bilancio 2019.È un passo nella giusta direzione, ma ancora non ci siamo, ci sono ancora dei passi da…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia