Verso il referendum costituzionale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Verso il referendum costituzionale

Le intenzioni di voto nel sondaggio di Tecnè per Porta a Porta del 17 ottobre 2016
di Redazione

Se si votasse oggi al referendum costituzionale, prevarrebbero i “No” con il 52% delle preferenze, in lieve flessione rispetto ad un mese fa (-1%). I “Sì” guadagnano un punto percentuale nello stesso arco temporale, ma si fermerebbero al 48%. L’affluenza si attesterebbe al 49% (in questo caso non è prevista alcuna soglia per il quorum), in rialzo dal precedente 45%, mentre gli indecisi (su cosa votare – il 13% – o se andare a votare) rappresentano oggi il 18% del campione (il 19% un mese fa). A dirlo è l’ultimo sondaggio Tecnè per Porta a Porta del 17 ottobre 2016, incentrato sull’importante appuntamento elettorale in programma il 4 dicembre.

senato

Interrogati sulla conoscenza dei temi referendari, gli italiani hanno risposto in questo modo: il 13% sostiene di avere una conoscenza adeguata; il 47% afferma di conoscere qualcosa, ma in maniera superficiale; il 40% ammette di non conoscere le questioni per cui saremo chiamati alle urne.
Entrando nel merito delle singoli voci, il 60% dichiara ad esempio di conoscere il tema relativo alla riduzione del numero dei parlamentari (il 70% – percentuale di quanti dichiarano di essere d’accordo su ciascun tema dopo la spiegazione – afferma inoltre di condividere la riforma). Il 58% ritiene di conoscere il tema del superamento del bicameralismo paritario (il 49% è d’accordo con la riforma). Il 38% è al corrente riguardo la soppressione del Cnel (d’accordo il 69%); il 25% sa del contenimento dei costi del funzionamento dello Stato (d’accordo il 45%); il 23% dichiara di conoscere il tema della riforma del Titolo V (d’accordo il 26%).

diapositiva1-2016-10-18-alle-12-30-45

diapositiva2-2016-10-18-alle-12-31-07

diapositiva3-2016-10-18-alle-12-59-46

LE MOTIVAZIONI ALLA BASE DEL VOTO
Cosa spinge gli elettori a votare “No” o “Sì”? Nel 68% dei casi (in complesso) sono proprio i temi referendari a motivare la scelta. La quota sale al 79% tra chi dichiara di votare “Sì”, scende al 50% tra chi vota “No”, arriva all’84% tra gli indecisi (tra gli indecisi, in questa fattispecie, sono considerati soltanto coloro che hanno dichiarato che andranno a votare ma ancora non hanno deciso se a favore o contro la riforma). Il 26% degli intervistati, invece, sottolinea l’operato del governo quale motivazione (15% tra chi vota “Sì”, 46% tra chi vota “No”, 3% tra gli indecisi). Non indica, nel complesso, il 6% del campione.

schermata-2016-10-18-alle-13-01-34

COMPORTAMENTO DI VOTO ALL’INTERNO DI OGNI PARTITO
Gli elettori del Pd risultano in larga parte orientati a votare “Sì” (61%, “No” il 7% di essi; indecisi il 16%, stessa percentuale per il non voto). Gli elettori del M5S, nel 47% dei casi, voteranno per il “No”, il 15% per il “Sì” (26% indecisi, 12% non voto). Tra quelli della Lega il 28% afferma “No”, l’8% “Sì” (17% indecisi, 47% non voto). Gli elettori di Fratelli d’Italia dichiarano “No” nel 20% dei casi, “Sì” nel 15% (16% indecisi, 49% non voto). Tra quelli di Forza Italia il 21% è per il “No”, il 6% per il “Sì” (17% indecisi, 56% non voto). Quelli, tra gli elettori, non schierati politicamente, sono per il “No” nel 4% dei casi, per il “Sì” nell’1%. Piuttosto non andranno a votare, afferma l’87% (l’8%, invece, è indeciso).

schermata-2016-10-18-alle-13-03-22

COSA DEVE FARE IL GOVERNO SE VINCONO I NO
Il governo, in caso di vittoria del “No” alla riforma costituzionale, si deve dimettere secondo il 60% degli intervistati. Per il 23% non deve farlo, invece. Mentre si attesta al 17% la quota di quanti non indicano una preferenza in questo senso.

diapositiva6-2016-10-18-alle-13-04-51

INTENZIONI DI VOTO PER LE POLITICHE E IPOTESI DI BALLOTTAGGIO
Sul piano nazionale, se si votasse oggi per le elezioni politiche, il Pd risulterebbe essere il primo partito con il 31,5% (+0,5% rispetto ad un mese fa), seguito dal M5S con il 26,5% (-0,5%). La Lega si attesta al 13,5% (stabile, mentre Forza Italia si attesterebbe al 14%. Fratelli d’Italia si collocherebbe al 5% (+0,5%), Sinistra Italiana al 3,5% (-0,5%), Ncd al 2% (-0,5%), Udc allo 0,5%. Altri al 3,5%. L’area degli incerti si collocherebbe al 14,5% (+2%), quella del non voto al 37% (-0,5%).

diapositiva7-2016-10-18-alle-13-06-41

Tecnè ha poi immaginato quattro ipotesi di ballottaggio. Nella prima l’area di governo (Pd-Altri) otterrebbe il 51% dei consensi. Al contrario la lista unica di centrodestra si fermerebbe al 49% (area incerti/non voto: 63%). Nella seconda Il M5S avrebbe la meglio sull’area di governo 53 a 47 (area incerti/non voto: 61%). Nella terza il M5S supererebbe anche la lista unica di centrodestra 54 a 46 (area incerti/non voto: 58%). Nella quarta ipotesi, che vedrebbe in corsa i tre schieramenti, l’area di governo otterrebbe il 35% dei favori, seguirebbe la lista unica di centrodestra con il 34% mentre il M5S si fermerebbe al 31% (area incerti/non voto: 53%).

diapositiva8-2016-10-18-alle-13-08-32

diapositiva9-2016-10-18-alle-13-10-06

diapositiva10-2016-10-18-alle-13-11-11

diapositiva11-2016-10-18-alle-13-12-05

NOTA METODOLOGICA

Titolo dell’indagine: Verso il referendum costituzionale – le intenzioni di voto per le politiche
Tipo di campione: rappresentativo della popolazione di 18 anni e oltre residente in Italia
Articolazione del campione: sesso, età e area geografica
Estensione territoriale: intero territorio nazionale
Numerosità del campione: 1.000 casi
Margine di errore: +/- 3,1%
Metodo di rilevazione: CATI – CAMI – CAWI
Data di effettuazione delle interviste: 14-15 ottobre 2016 Committente: Porta a Porta
Soggetto realizzatore: Tecnè S.r.l.

 

4 Commenti per “Verso il referendum costituzionale”

  1. […] sondaggio Tecnè per Porta a Porta (Rai 1) sul Referendum Costituzionale. Qui potete trovare l’articolo originale. Qui potete trovare l’elenco dei Tecnè […]

  2. […] sondaggio Tecnè per Porta a Porta (Rai 1) sul Referendum Costituzionale. Qui potete trovare l’articolo originale. Qui potete trovare l’elenco dei Tecnè […]

  3. […] sondaggio Tecnè per Porta a Porta (Rai 1). Qui potete trovare l’articolo originale. Qui potete trovare l’elenco dei Tecnè […]

  4. […] sondaggio Tecnè per Porta a Porta (Rai 1). Qui potete trovare l’articolo originale. Qui potete trovare l’elenco dei Tecnè […]

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia