Fallimenti giù, ma i livelli pre-crisi sono lontani | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fallimenti giù, ma i livelli pre-crisi sono lontani

Secondo Unioncamere-InfoCamere, dallʼinizio del 2016 mediamente hanno chiuso i battenti 52 imprese al giorno
di Redazione

I segnali lanciati dal sistema imprenditoriale italiano – imprese in aumento e fallimenti in calo – sono sicuramente positivi. Tuttavia i livelli precedenti la crisi economica sono ancora (molto) lontani. Secondo i dati Unioncamere-InfoCamere, nei primi nove mesi del 2016 lo stock delle imprese iscritte alle Camere di commercio è aumentato di 41.597 unità, pari a 2.227 unità in più rispetto allo stesso periodo del 2015, per un tasso di crescita nei nove mesi pari allo 0,7%.

Imprese

Unioncamere osserva che il bilancio positivo fa il paio con quelli dei primi nove mesi del biennio 2014-2015 e riporta il ritmo di ricambio della base imprenditoriale ai valori del 2007. Non tutti i settori hanno offerto lo stesso contributo, però.
Oltre la metà del saldo gennaio-settembre è dovuto a soli tre comparti – turismo (+10.584 imprese), commercio (+6.703) e servizi alle imprese (+6.405) –, mentre, nello stesso periodo, sono rimasti in campo negativo le costruzioni (-2.485 unità da inizio anno), le attività manifatturiere (-1.657) e il comparto dell’estrazione di minerali (-34).
Quelli di Unioncamere non sono gli unici dati positivi provenienti dal tessuto imprenditoriale, però. L’Analisi dei fallimenti in Italia, aggiornata alla fine di settembre 2016 e realizzata da Cribis D&B, rileva che le imprese costrette a chiudere i battenti sono sempre meno, dopo il picco raggiunto nel 2014 (15.336 chiusure complessive).
Nel terzo trimestre del 2016 le imprese, che hanno portato i libri in Tribunale, sono state 2.704 e dunque in calo tanto rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (-4,4%) quanto rispetto al 2014 (-7,8%). Da gennaio ad oggi le imprese fallite sono state 10.047.
Tuttavia, se si confrontano i dati attuali con quelli relativi al 2009, le cose prendono una piega diversa: i fallimenti sono infatti cresciuti del 58,9%. “Un chiaro segnale che siamo ancora lontani dai livelli pre-crisi”, commenta Cribis D&B.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia