Export extra-Ue in crescita da quattro mesi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export extra-Ue in crescita da quattro mesi

Salgono le vendite verso Cina, Giappone e Stati Uniti, ma calano quelle verso la Russia
di Redazione

A settembre, per il quarto mese consecutivo, le esportazioni verso i Paesi al di fuori dell’Unione europea hanno registrato una crescita. Una performance ascrivibile soprattutto ai buoni risultati che hanno interessato le vendite di beni di consumo durevoli e di energia.

container1Rispetto al settembre del 2015 le esportazione extra-Ue sono aumentate del 2,7%

Stando, infatti, alle rilevazioni dell’Istat, le esportazioni di beni di consumo in generale sono aumentate dell’1,8%, una crescita dettata dal +7,5% messo a segno dai beni di consumo durevoli e dal più lieve +0,3% dei beni di consumo non durevoli. In crescita, come anticipato anche l’export di energia (+3%). Di contro, le vendite di beni strumentali (-0,2%) e beni intermedi (-0,2%) si mostrano in calo, comportando un bilanciamento nella crescita totale delle esportazioni, che mettono a segno un timido +0,5% congiunturale.
Passando invece al confronto tendenziale, l’Istituto nazionale di statistica segnala un aumento dell’export extra-Ue pari a 2,7 punti percentuali. Le tabelle contenenti gli andamenti dei principali raggruppamenti di industrie indicano un aumento del 9,1% per le esportazioni di beni di consumo (+2,3% per quelli durevoli e +11% per quelli non durevoli) e un +3,1% per i beni intermedi. Variazioni negative hanno invece interessato le vendite di beni strumentali (-0,4%) e di energia (-16,1%).
Nell’arco dei primi nove mesi del 2016 le esportazioni verso i Paesi al di fuori dell’Ue sono invece diminuite del 2,6%, risultato delle contrazioni che hanno interessato tutti i principali beni esportati, meno quelli di consumo non durevoli, che riportano invece un +3,5%. Le vendite di beni di consumo durevoli sono infatti diminuite del 4,2%, quelle di beni strumentali del 2,1%, quelle di beni intermedi del 2% mentre l’export di energia è crollato del 36,9%.
I Paesi che, rispetto allo stesso mese del 2015, hanno riportato l’aumento più marcato delle vendite sono stati la Cina, con un +23%; il Giappone, con un +18%; e gli Stati Uniti, con un +11%: bene anche l’export verso Svizzera (+5,2%), Paesi ASEAN (+4,6%) e area MERCOSUR (+3,95). In calo, invece, le vendite verso l’area OPEC (-11%), verso la Turchia (-8,3%) e verso la Russia (-1,6%).

 

Scrivi una replica

News

Russia-Stati Uniti, Putin: «Lasciarci alle spalle questo clima da guerra fredda»

«Dobbiamo lasciare dietro le spalle questo clima da guerra fredda, non c’è bisogno dello scontro, la situazione è cambiata, bisogna affrontare le sfide comuni, il…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Le relazioni tra Stati Uniti e Russia stanno migliorando»

«Le nostre relazioni non erano mai state peggiori di quanto non lo siano adesso. Tuttavia adesso sono cambiate perché quattro ore fa ci siamo incontrati».…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, la Cina ricorrerà al Wto contro i dazi imposti dagli Stati Uniti

Il governo cinese ricorrerà al WTO, l’Organizzazione mondiale del commercio, contro la minaccia di dazi aggiuntivi al 10% annunciati dagli Stati Uniti sull’import di prodotti…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Andare d’accordo con la Russia è una cosa positiva»

«Non siamo andati molto d’accordo negli ultimi anni, ma credo che avremo un buon rapporto in futuro: andare d’accordo con la Russia è una cosa…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia