Trasporto merci in calo tra il 2010 ed il 2014 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Trasporto merci in calo tra il 2010 ed il 2014

Scende anche il numero delle imprese attive nel settore: -13% tra il 2009 ed il 2015
di Redazione

Circa 34 miliardi di euro all’anno. Tanto avrebbe perso l’Italia nell’ultimo periodo a causa della mancanza degli investimenti in opere infrastrutturali. A pesare è stato soprattutto ciò che questa lacuna ha comportato sul fronte degli scambi commerciali con l’estero.

schermata-2016-10-25-alle-16-08-47L’autotrasporto ha registrato un calo dei volumi trasportati del 37%

Secondo l’ultimo Rapporto redatto dall’Ufficio Studi della Confcommercio, solo nel settore dei trasporti marittimi – tra il 2010 ed il 2014 – l’Italia avrebbe registrato una contrazione delle merci trasportare pari al 10%. Un calo che si amplia fino al -37% se si guarda invece al trasporto su gomma, riportando la diminuzione più marcata tra i Paesi fondatori dell’Unione europea.
Di conseguenza molte imprese attive nel settore del trasporto terrestre hanno dovuto abbassare definitivamente le saracinesche, comportando una contrazione del numero delle aziende del 13% tra il 2009 ed il 2015.
Osservando il confronto con i principali partner a livello europeo si può notare come solo in Francia e nel Regno Unito si registrano delle contrazioni dei volumi trasportati via mare, rispettivamente del 4,2% e dell’1,7% tra il 2010 ed il 2014. In Germania si registra invece un +10,1%, in Grecia un +30,9%, in Spagna un +13,4% e in Olanda 5,9%.
Dinamica simile a quella italiana interessa invece l’autotrasporto greco (-30,2% per i volumi trasportati) e quello spagnolo (-24,4%), mentre quello francese e britannico riportano variazioni negative più contenute (-4,8% e -0,9%). In questo caso crescono i volumi trasportati della Germania (+11,6%) e dell’Olanda (+8,2%).
Per quanto riguarda invece il trasporto su ferro, l’Italia ha registrato una crescita del 7,6% nel periodo considerato, facendo meglio di Germania (+2,6%), Francia (+2,8%) e Grecia (-46,2%), ma peggio di Spagna (+31,8%), Olanda (+10,85) e Regno Unito (+21,6%).

 

Scrivi una replica

News

Commercio, Juncker: «Non c’è protezione nel protezionismo»

«Non c’è protezione nel protezionismo e non c’è unità dove c’è l’unilateralismo». Lo ha scritto su Twitter il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, dopo…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prezzi al consumo, a giugno indice nazionale in aumento su base mensile

«Nel mese di giugno 2018, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenti dello 0,2%…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «La lotta alla corruzione è fondamentale»

La lotta alla corruzione è «fondamentale». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo in occasione della sessione conclusiva del Forum Economico italo-georgiano,…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Industria, a maggio fatturato e ordinativi in aumento su base annua

«A maggio si stima che il fatturato dell’industria cresca su base congiunturale dell’1,7%, registrando un aumento per il terzo mese consecutivo; nella media degli ultimi…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia