L’emorragia | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’emorragia

Nel racconto della crisi dell’editoria in Italia spesso il declino dei grandi giornali viene narrato come un evento quasi inevitabile dovuto principalmente a due fattori: la difficile transizione nell’era digitale, con Internet che arriva d’improvviso a sparigliare le carte invadendo di contenuti gratuiti il mercato dell’informazione; e, secondo fattore determinante, la crisi economica e finanziaria globale del 2008. Come dire: cosa potevano fare in questi ultime tre lustri le navi ammiraglie dell’editoria nostrana se non imbarcare sempre più acqua? Ma è proprio così? Basta il combinato di questi due fattori a spiegare (quasi) tutto?

Continua a leggere su pagina99

 

Scrivi una replica

News

Sea Watch 3, Salvini: «I migranti vadano in Olanda e in Germania»

«L’Unione europea vuole risolvere il problema Sea Watch? Facile. Nave olandese, ong tedesca: metà immigrati ad Amsterdam, l’altra metà a Berlino. E sequestro della nave…

24 Giu 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Somalia, ucciso il generale accusato di essere a capo del fallito golpe

Asamnew Tsige, il generale di brigata accusato di essere a capo del fallito colpo di Stato in Etiopia, è stato ucciso oggi in uno scontro…

24 Giu 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Repubblica Ceca, Babis: «Non mi dimetto»

«Non mi dimetto, non ho fatto niente di male». Così il premier ceco, Andrej Babis, ha commentato, in un’intervista al quotidiano Lidove noviny babis, la…

24 Giu 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giornalismo, Mario Sechi sarà il nuovo direttore dell’Agi

Mario Sechi, 51 anni, sarà il nuovo direttore dell’agenzia di stampa Agi, prendendo il posto di Riccardo Luna, che ricopre la carica dal 2016. Ad…

24 Giu 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia