Sondaggio Tecnè. Verso il referendum costituzionale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sondaggio Tecnè. Verso il referendum costituzionale

Il “No” si attesta al 52,3%, mentre il “Sì” è al 47,7%: tutti i risultati dell'indagine che Tecnè ha condotto per Tgcom24
di Redazione

Secondo il 53,2% degli intervistati dall’istituto Tecnè per Tgcom24 il referendum costituzionale, in programma il 4 dicembre, è “importante” per il futuro dell’Italia. Il dato è in calo di 5,4 punti percentuali dalla precedente rilevazione (29 ottobre, 58,6%). Inoltre aumenta al 38,7%, dal precedente 36%, la quota di quanti non lo considerano importante (non sa l’8,1%, in rialzo dal 5,4% del 29 ottobre). In tale contesto aumenta, ma non troppo, la consapevolezza degli elettori. Se da una parte cresce al 47,7% la quota di chi giudica superficiale la conoscenza dei temi referendari, il 20,8% la ritiene approfondita (era il 18,1% il 29 ottobre), mentre ammette di non conoscerli il 31,5%, dato in diminuzione di 4,1 punti dalla precedente rilevazione.

diapositiva_01

diapositiva_02

GLI EFFETTI DEL REFERENDUM SULLE ISTITUZIONI
La quota di quanti ritiene gli effetti del referendum sulle istituzioni “positivi” si attesta al 37,8%, in calo dal precedente 40,7%. Allo stesso tempo diminuiscono quanti hanno un parere opposto, che si collocano al 41,7% dal 43,3% del 29 ottobre. In compenso la quota di chi “non sa” aumenta di oltre quattro punti dall’ultima rilevazione, ora al 20,5%.

diapositiva_03

GLI EFFETTI DEL REFERENDUM E DELL’ITALICUM
Anche in questo caso si assiste ad un calo di quanti sostengono che gli effetti della riforma e dell’Italicum, la legge elettorale ad essa collegata, sarebbero positivi in quanto si saprebbe subito chi governa e ci sarebbe più stabilità politica. La quota passa al 37,6% dal 40,4%. La quota di chi invece ritiene tali effetti negativi (“con la riforma costituzionale e l’Italicum ci sarebbero rischi per la democrazia”) diminuisce al 40% da 41,9%. Chi ammette di non avere un’opinione precisa al riguardo sale dal 17,7% al 22,4%.

diapositiva_04

LE INTENZIONI DI VOTO AL REFERENDUM
Considerata la base “tutti gli intervistati” l’area degli indecisi/non voto si attesta al 51,6% (in crescita dal 51,2% della precedente rilevazione), mentre il “Sì” aumenta di poco passando dal 23 al 23,1%; il “No” scende dal 25,8 al 25,3%. Considerata la base di chi esprime una preferenza (“Sì” + “No” = 100%), il “Sì” si attesta al 47,7% (in lieve rialzo dal precedente 47,1%) mentre il “No” si colloca al 52,3% (in lieve calo da 52,9%).

diapositiva_05

CHI SONO GLI ELETTORI INDECISI E ASTENSIONISTI
Del 51,6% che racchiude l’area degli indecisi/non voto, la maggioranza – l’80,5% del campione – afferma di essere elettori non collocati politicamente. Il 16,3% sono invece elettori attuali dei partiti schierati per il “No”; il 3,2% elettori attuali dei partiti schierati per il “Sì”.

diapositiva_06

LE PROBABILITA DEL RISULTATO NEL REFERENDUM COSTITUZIONALE
Tecnè rileva che il “Sì” ha il 27% delle probabilità di collocarsi tra il 42 e il 46% dei consensi, il 51% delle probabilità di ottenere tra il 47 e il 49% e il 22% delle probabilità di raggiungere una soglia che oscilli tra il 50 e il 53%. Dall’altro lato, il “No” ha il 27% delle probabilità di ottenere tra il 58% e il 54% dei consensi, il 51% delle probabilità di collocarsi tra il 53 e il 51%, il 22% delle probabilità di raggiungere valori compresi tra il 50 e il 47%.

diapositiva_07

NOTA METODOLOGICA

VERSO IL REFERENDUM COSTITUZIONALE
Campione rappresentativo della popolazione > 18 anni residente in Italia
Numerosità del campione: 1.500 casi – Metodo di rilevazione: CATI-CAMI
Margine di errore: +/- 2,5% (sui risultati a livello dell’intera campione)
Data di effettuazione delle interviste: 9-10 novembre 2016
Committente: RTI
Soggetto realizzatore: Tecnè S.r.l.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia