Le imprese artigiane nate dal 2014 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le imprese artigiane nate dal 2014

Le costruzioni e il manifatturiero sono i due comparti nei quali si conta il più alto numero di nuove imprese artigiane
di Redazione

Un’analisi del Centro studi della CNA sottolinea il contributo offerto dalle imprese artigiane italiane negli ultimi anni al rinnovamento del tessuto imprenditoriale del nostro Paese.

extension-996004_1280

Secondo i dati contenuti nell’analisi, dal 2014 a oggi in Italia sono nate 242.990 imprese artigiane, pari il 23,7% del totale delle imprese costituite nello stesso periodo.
Particolarmente rilevante è stato l’apporto garantito dai più giovani. Ma il dinamismo degli under 35 non era passato inosservato neanche ad altre analisi: Movimprese, la rilevazione condotta periodicamente da UnionCamere-InfoCamere, osserva che nei primi 9 mesi del 2016, sono nate complessivamente circa 90mila imprese under 35 (pari al 31% del totale di quelle nuove nate in Italia), il 14% delle quali è attiva nelle costruzioni e il 10% nei servizi di alloggio e ristorazione.
Tornando ai dati della CNA, dall’analisi emerge che le nuove imprese artigiane si sono concentrate principalmente in una manciata di settori. L’elenco include l’edilizia (94.378 nuove unità), il manifatturiero (49.940), i servizi per la persona (24.231), la ristorazione (14.692), i servizi di pulizia (13.337) e le autoriparazioni (9.190).
In particolare, sottolinea l’analisi, all’interno del manifatturiero sono nate soprattutto imprese nell’abbigliamento (8.846), i prodotti in metallo (7.754), gli alimentari (7.374), le riparazioni di apparecchi e attrezzature (6.081).
La CNA sottolinea che, per comprendere come è cambiato il tessuto imprenditoriale italiano nel corso di questi ultimi anni, è necessario analizzare i tassi di crescita settoriali, dati dal rapporto tra saldo delle imprese nate e cessate e stock di imprese attive. Confrontando le statistiche sulla natalità delle imprese artigiane nei primi nove mesi del 2014, 2015 e 2016 – ovviamente non sono disponibili i dati dell’ultimo trimestre di quest’anno –, i settori caratterizzati dal maggiore tasso di crescita relativo sono i servizi alle imprese (+6,2%), servizi di pulizia (+3%), riparazioni di apparecchi e attrezzature (+2,8%), l’ICT (+1,6%), logistica (+1,3%). In terreno positivo anche alimentari, attività professionali, servizi di ristorazione e servizi alla persona.

 

Scrivi una replica

News

Sicilia, Minniti: “L’Osce non monitora elezioni a livello locale”

“Le missioni dell’OSCE vengono solitamente predisposte in occasione dei maggiori appuntamenti elettorali parlamentari o presidenziali e non per le elezioni di livello locale”. Lo ha…

18 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia, Renzi: “Occorre scrivere una pagina nuova”

“La nostra mozione di ieri spiega con forza che c’è bisogno di scrivere una pagina nuova”. Lo ha detto il segretario del Partito democratico, Matteo…

18 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Draghi: “Il Jobs Act ha creato quasi mezzo milione di occupati”

“Gli incentivi fiscali hanno dimostrato di essere in grado di aumentare l’efficacia delle riforme”. Lo ha detto il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi,…

18 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato immobiliare, gli stranieri “sono in prima fila nella ricerca di una casa da acquistare”

“Gli stranieri sono in prima fila nella ricerca di una casa da acquistare. Si stima che almeno un milione di persone, in affitto o in…

18 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia