Cosa dicono gli ultimi dati Istat sul lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cosa dicono gli ultimi dati Istat sul lavoro

Il saldo ancora positivo su base annua si regge ormai solo sul boom di assunzioni del dicembre 2015 (fine degli incentivi triennali)
di Fulvio Fammoni*

manifatturiero

I dati Istat su occupati e disoccupati del mese di ottobre confermano la progressiva tendenza al calo dell’occupazione (-30 mila unità rispetto al mese precedente), prevalentemente per la diminuzione del tempo indeterminato mentre aumenta il lavoro a termine. Il lavoro dipendente – infatti – diminuisce di 39 mila unità di lavoro stabile e si incrementa di 7 mila per il termine.
Il saldo ancora positivo su base annua si regge ormai solo sul boom di assunzioni del dicembre 2015 (fine degli incentivi triennali).
Particolarmente significativa è la suddivisione di questi dati per fasce di età.
In ottobre aumentano gli occupati solo nella fascia con più di 50 anni e diminuiscono in tutte le altre; stesso dato nel trimestre agosto/ottobre 2016 rispetto a quello precedente (per gli ultracinquantenni influisce il forte calo dei pensionamenti).
Infine, dovrebbe essere evidente come – nella realtà italiana – i dati su disoccupazione e inattività debbano essere letti congiuntamente e non utilizzati di volta in volta a sostegno di singole tesi.
Questo mese la disoccupazione cala mentre l’inattività aumenta, il mese scorso è avvenuto il contrario.
È sempre positiva l’emersione di una parte di inattività, anche perché fra gli inattivi una quota vicina al 10% si autodichiara disoccupato.
In Italia – i dati sono rintracciabili sempre nelle statistiche ISTAT – il tasso di inattività è fra i più alti d’Europa e dentro questo aggregato si colloca dunque anche una parte di disoccupazione non ufficiale. D’altronde un tasso di occupazione al 57% non è statisticamente spiegabile solo con una disoccupazione fra l’11% e il 12%.

*Presidente della Fondazione Giuseppe Di Vittorio

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia