La domanda interna traina il PIl | T-Mag | il magazine di Tecnè

La domanda interna traina il PIl

Contributo negativo, invece, dalla domanda estera netta e dalle costruzioni
di Redazione

Continua la lenta risalita economica dell’Italia. Nell’ultima nota mensile l’Istituto nazionale di statistica ha confermato la crescita del Pil dello 0,3% registrata nel terzo trimestre, spiegando come il progresso sia legato unicamente alla domanda interna, mentre quella estera ha apportato un contributo negativo. In recupero l’indicatore anticipatore dell’attività economica del Paese, che lascia intravedere una prospettiva di stabilizzazione del ritmo di crescita dell’economia.

manifattura

In particolare nella nota dell’Istat si legge, infatti, che la domanda nazionale netta ha registrato nel periodo considerato una crescita dello 0,3%, legata al +0,2% dei consumi finali nazionali e al +0,8% che ha interessato gli investimenti fissi lordi. In particolare gli investimenti in macchine, attrezzature e altri prodotti sono aumentati dello 0,7%, mentre quelli n costruzioni hanno registrato una contrazione dei 0,2 punti percentuali. Le difficoltà di questo settore si osservano anche nell’andamento del valore aggiunto al Pil: -0,2% congiunturale nel terzo trimestre.
Per quanto riguarda invece la domanda estera – che come già spiegato ha fornito un lieve contributo negativo al risultato del terzo trimestre – l’Istat indica per il periodo considerato un -0,1%, risultato di un aumento dello 0,7% dell’import e di un più lieve +0,1% dell’export.
Passando al valore aggiunto dei principali settori di attività economica, dalle rilevazioni dell’Istat emerge un aumento dell’1,1% per quello dell’industria. Per il settore in questione si registra anche un aumento degli ordinativi, +1,7%, legato anche in questo caso alla componente interna – che riporta un +6,6% – mentre quella estera bilancia il dato negativamente, riportando un -4,4%.
Nel terzo trimestre anche il comparto dei servizi ha registrato un aumento del valore aggiunto, ma in questo caso si parla di un timido +0,1%, legato ai servizi di informazione e comunicazione (+0,9%), alle attività professionali e di supporto (+0,5%), alla Pa, difesa, istruzione (+0,2%) e alle attività immobiliari (+0,1%). Si presentano in calo, invece, le attività finanziarie e assicurative (-0,8%), il commercio, il trasporto e l’alloggio (-0,1%).

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Pil al Nord in crescita dell’1,8%. Al sud dell’1,4%»

«Le stime preliminari indicano che nel 2017 il Prodotto interno lordo, a valori concatenati, ha registrato una crescita superiore alla media nazionale nel Nord-ovest e…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nigeria, scontri in villaggi: 86 le vittime

Gli scontri avvenuti in vari villaggi della Nigeria, tra agricoltori e pastori, ha provocato la morte di 86 persone. Il presidente Muhammadu Buhari ha lanciato…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Ifo in calo a 101,8 punti a giugno

Cala la fiducia delle imprese tedesche nel mese di giugno. Infatti, il dato è sceso a 101,8 punti dai 102,3 di maggio. Si tratta del…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, ennesimo trionfo per Erdogan

Recep Tayyip Erdogan ha vinto nuovamente le elezioni in Turchia. Il presidente uscente ha ottenuto il 52,5% dei voti. «La competizione non è stata equa,…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia