L’andamento della domanda di lavoro delle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’andamento della domanda di lavoro delle imprese

Nel terzo trimestre aumentano leggermente le posizioni lavorative dipendenti, i posti vacanti e il monte ore lavorate
di Redazione

Nel terzo trimestre del 2016 l’Istat ha registrato un aumento tendenziale delle posizioni lavorative dipendenti, sia all’interno delle industrie che all’interno delle imprese dei servizi. Rispetto al trimestre precedente però, l’aumento ha interessato solo i servizi, mentre le posizioni lavorative dipendenti nell’industria riportano una variazione nulla.

lavoro

In particolare – emerge dal resoconto dell’Istituto di statistica – tra il secondo ed il terzo trimestre le posizioni lavorative dipendenti (ovvero quelle contraddistinte da un contratto di lavoro tra una persona fisica e un’unità produttiva, che prevede una prestazione in cambio di un compenso) sono cresciute dell’1,1% nei servizi privati, rimanendo però invariate nelle industrie. Rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, invece, la crescita interessa entrambi i comparti: +1% nell’industria e +4,5% nei servizi.
Per quanto riguarda invece le posizioni lavorative in somministrazione (ovvero gli ex interinali) l’Istat rileva un aumento del 5,6% sul secondo trimestre del 2016 e del 7,4% sullo stesso periodo dello scorso anno.
Passando al monte ore lavorate nelle imprese con almeno dieci dipendenti, le tabelle segnalano un aumento congiunturale dello 0,3% per l’industria e dell’1,2% nei servizi, mentre il confronto tendenziale mostra rispettivamente un +2,8% per l’industria e un +5,7% per i servizi.
Soffermandosi poi sulle ore di cassa integrazione utilizzate dalle imprese con almeno dieci dipendenti, si nota come si registri un calo tendenziale di 2,8 ore ogni mille utilizzate. Nel dettaglio, si rileva un calo dei 3,9 ore per le industrie e di 1,8 per le imprese dei servizi.
Nella stessa categoria di imprese il tasso di posti vacanti registra un incremento dello 0,1% rispetto al secondo trimestre sia per le industrie e che per i servizi, mentre rispetto allo scorso anno l’aumento ha interessato solamente l’industria (+0,1%), a fronte di una variazione nulla dei posti vacanti del settore dei servizi.
In lieve aumento, invece, le retribuzioni per unità di lavoro dipendente. Nel terzo trimestre si registra infatti un +0,1% congiunturale per l’industria e un +0,2% per i servizi. Rispetto allo scorso anno le retribuzioni sono cresciute solo nelle imprese attive nel settore dei servizi, +0,8%, mentre nell’industria sono rimaste stabili.

 

Scrivi una replica

News

Lavoro, quasi recuperati i livelli occupazionali pre-crisi

“Negli ultimi due anni la ripresa accelera e il mercato del lavoro recupera in buona parte i livelli occupazionali precedenti la crisi: nel primo semestre…

11 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

New York, quattro i feriti. De Blasio: “È stato un tentato attacco terroristico”

“È stato un tentato attacco terroristico”. A confermarlo è il sindaco di New York, Bill de Blasio. “Non c’è nessun’altra minaccia in questo momento nella…

11 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, esplosione nella metropolitana di New York

Un’esplosione sarebbe avvenuta nella metropolitana di New York, al terminal dei bus di Port Avenue, nel nodo tra le linee A, C e E. La…

11 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Putin: “Abbiamo sconfitto il gruppo terrorista più combattivo”

“Negli ultimi due anni, le forze armate russe e l’esercito siriano hanno sconfitto il gruppo più combattivo dei terroristi internazionali”. Lo ha detto il presidente…

11 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia