Commercio: dal 2007 chiuse oltre 90mila attività | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio: dal 2007 chiuse oltre 90mila attività

Le difficoltà incontrate da alcune attività (in sede fissa o ambulante) sembrano riguardare solo marginalmente gli alberghi, i bar e i ristoranti
di Redazione

Quanto rilevato da Confesercenti – oltre 90mila imprese del commercio hanno chiuso i battenti o cambiato la propria attività dal 2007 – certifica una delle tante conseguenze della crisi economica.

negozio

Secondo un’elaborazione di Confesercenti su dati ISTAT e del Registro delle imprese, a partire dal 2007 ad oggi il numero degli esercizi commerciali si è ridotto in modo consistente: alla fine di ottobre 2016 si contano 871mila negozi sparsi sul territorio nazionale. Prima dell’inizio della crisi economica, erano molti di più (oltre 962mila).
Le difficoltà non hanno risparmiato nessuno. Né al Nord né al Sud. Dall’analisi delle statistiche emerge che la Valle d’Aosta è la regione dove si registra il saldo tra aperture e chiusure più negativo (-21%). Le prime posizioni dell’elenco delle regioni più colpite include anche il Friuli Venezia Giulia, la Basilicata e il Piemonte. Mentre il Lazio rappresenta l’unica eccezione (+2,4%).
Alcuni comparti hanno sofferto più di altri. I punti vendita del tessile-abbigliamento hanno registrato la contrazione maggiore, passando dalle 159.297 unità alle attuali 127.495 (-20%). Non è andata bene neanche ai ferramenta e costruzioni (da 45.480 a 36.440, -19,9%) e alle macellerie (da 35.006 a 29.069, -17%). Confesercenti sostiene che il commercio ambulante non ha rappresentato un’eccezione: nel 2007 le attività ambulanti erano 215.123 mentre ad oggi sono 194.311 (-9,7%).
Tuttavia le difficoltà incontrate da alcuni esercizi commerciali (in sede fissa o ambulante) riguardare solo marginalmente gli alberghi, bar e ristoranti. Le attività legate al turismo sono più numerose rispetto al passato: oltre 56mila in più, per un incremento percentuale del 15%. A settembre, l’Osservatorio Confesercenti rivelava che la crescita dei bar e dei ristoranti (una crescita che è particolarmente rilevante nel Mezzogiorno del Paese) è dovuta a diversi fattori, tra cui l’aumento della spesa per la ristorazione registrata negli ultimi anni, passata dai 52,3 miliardi di euro del 2001 ai 76,4 miliardi del 2015 (+46%).

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia