La crisi politica dopo il referendum | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi politica dopo il referendum

Partenza in salita per il governo Gentiloni. Nelle intenzioni di voto il M5S è a un passo dal Pd: così il sondaggio Tecnè per Matrix
di Redazione

Il governo Gentiloni, ai nastri di partenza, non sembra godere della fiducia degli italiani, soprattutto nel confronto con i precedenti esecutivi della XVII legislatura al momento dell’insediamento. Se infatti il governo Letta (28 aprile 2013 – 22 febbraio 2014) poteva contare sul 65% di fiducia da parte degli italiani (poi al 27% al momento delle dimissioni) e il governo Renzi (22 febbraio 2014 – 11 dicembre 2016) sul 62% (21% alle dimissioni), il governo Gentiloni già ora presenta un grado di fiducia (tra quanti esprimono molta o abbastanza fiducia) decisamente più basso, al 19%, a conferma di come l’esito del referendum pesi sull’attuale e ancora incerta situazione politica. Non a caso, secondo il 62% degli intervistati da Tecnè per Matrix dell’11 dicembre 2016, è opportuno fare la nuova legge elettorale e andare a votare prima dell’estate; il 20% ritiene sia il caso andare al voto subito, anche con l’attuale legge elettorale; il 13% preferirebbe andare avanti con il nuovo governo fino alle fine della legislatura. Il 5% non sa o è incerto.

diapositiva_01

diapositiva_02

diapositiva_03

Se si votasse oggi per le elezioni politiche, il Pd risulterebbe essere il primo partito con il 30,2% (era al 31,4% il 5 dicembre), seguito dal M5S – che ora è davvero vicino – con il 30,1% (dal 29,6% della precedente rilevazione). Forza Italia si collocherebbe al 14,9% (da 14,6%), mentre la Lega si attesterebbe all’11,1% (dal 10,5%). Fratelli d’Italia sarebbe al 4,6% (dal 4,2%), Area Popolare al 2,6%, Sinistra Italiana al 2,2%, altri al 4,3%. L’area degli incerti/non voto si collocherebbe al 40,5%, in crescita di due punti percentuali rispetto alla rilevazione del 5 dicembre.

diapositiva_04

Tecnè ha infine valutato tre ipotesi di ballottaggio nel caso in cui si votasse con l’Italicum. Nella prima ipotesi il M5S avrebbe la meglio con il 51,7% dei consensi sulla coalizione PD-AP-SC, che si fermerebbe al 48,3%. Nella seconda ipotesi la coalizione di centrodestra (FI-FDI-Lega) supererebbe la coalizione di centrosinistra con il 50,2% dei voti. Nella terza ipotesi, infine, il M5S si attesterebbe al 51% contro il 49% della coalizione di centrodestra.

diapositiva_05

NOTA METODOLOGICA
Universo: popolazione italiana maggiorenne
Tipo di campione: casuale
Articolazione del campione: sesso, età e area geografica
Estensione territoriale: intero territorio nazionale
Metodo di rilevazione: CATI – CAMI
Numero di interviste: 800
Margine di errore: +/- 3,5%
Data di effettuazione delle interviste: 11 dicembre 2016
Committente: RTI – MATRIX
Soggetto realizzatore: Tecnè S.r.l.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia