I lavoratori a basso reddito nell’UE | T-Mag | il magazine di Tecnè

I lavoratori a basso reddito nell’UE

Le donne, i giovani e chi possiede un basso titolo di studio hanno maggiori possibilità di rientrare nella categoria
di Redazione

L’Eurostat rileva che in Italia la quota di lavoratori a basso reddito è inferiore alla media registrata nell’Unione europea e nella zona euro. Ma il dato è influenzato dalla soglia al di sotto della quale un lavoratore è considerato a basso reddito e che varia da Paese a Paese.

lavoro

In Italia – i dati del report dell’Eurostat sono relativi al 2014 –, i lavoratori a basso reddito sono il 9,4% del totale. Una quota più bassa rispetto alla media europea (nell’UE è al 17,2%) e a quella registrata nelle principali economie europee. Tra i Paesi della zona euro, in particolare, percentuali più basse sono state rilevate soltanto in Francia, dove i lavoratori a basso reddito sono l’8,8% del totale, Finlandia (5,3%) e Belgio (3,8%). Nell’Eurozona, più in generale, la media è del 15,9%.
Mentre l’elenco dei Paesi, dove i lavoratori a basso reddito sono più numerosi, include la Lettonia (25,5%), la Romania (24,4%), la Lituania (24%), la Polonia (23,6%), la Germania (22,5%), l’Irlanda (21,6%) e il Regno Unito (21,3%).
Tuttavia l’Eurostat osserva che le notevoli differenze, esistenti tra le diverse economie, sono dovute alla soglia al di sotto della quale un lavoratore viene considerato a basso reddito. Soglia che varia da Paese a Paese.
In Italia, i lavoratori a basso reddito sono considerati tali perché percepiscono una paga oraria inferiore agli 8,3 euro. In Francia e in Germania la soglia sale rispettivamente a 10 e 10,5 euro, pur restando al di sotto di quella irlandese (13,4 euro), olandese (10,7 euro) e danese (17 euro orari). Soglie molto basse in Bulgaria (1,1 euro all’ora), Romania (1,4 euro), Portogallo (3,4), Slovacchia (2,9), Lettonia e Lituania (2,2).
Dal report emerge che esistono importanti differenze a seconda del genere (nell’UE il 21,1% delle donne è a basso reddito contro il 13,5% dei colleghi uomini), dell’età (il 30,1% dei lavoratori under 30 è a basso reddito mentre fra gli occupati d’età compresa tra i 30 e i 59 anni lo sono il 14%) e dall’istruzione ricevuta: più è alto il titolo di studio che si possiede, maggiori sono le possibilità di guadagnare più della media nazionale.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: «Economia più debole del previsto, stimolo significativo ancora necessario»

«A dicembre abbiamo deciso di mettere fine» al Quantitative easing, «fiduciosi che la convergenza dell’inflazione verso l’obiettivo sarebbe progredita». Contemporaneamente «i recenti sviluppi economici sono…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Juncker: «Durante la crisi del debito c’è stata dell’austerità avventata»

Durante la crisi del debito «c’è stata dell’austerità avventata, ma non perché volevamo sanzionare chi lavora e chi è disoccupato: le riforme strutturali restano essenziali».…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: permessi di costruire in calo nel secondo trimestre del 2018 (-2% congiunturale)

Nel secondo trimestre del 2018 si stima che i permessi di costruire relativi al comparto residenziale registrino, al netto della stagionalità, una diminuzione congiunturale del…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ecotassa, Manley (FCA): «Il piano di investimenti va rivisto»

Parlando dal salone dell’auto di Detroit, l’amministratore delegato del gruppo FCA Mike Manley, ha avvertito che, alla luce del nuovo regolamento introdotto dal governo italiano…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia