Su produzione e ordini, il recupero del settore manifatturiero | T-Mag | il magazine di Tecnè

Su produzione e ordini, il recupero del settore manifatturiero

L'indice Pmi a novembre è migliorato oltre le attese. L'Italia mantiene il secondo posto in Europa per valore della produzione
di Redazione

Prosegue il recupero della produzione industriale italiana, sebbene ancora incerto e lontano dai valori pre-crisi. Nel mese di ottobre, su base congiunturale, la variazione è nulla, in rialzo rispetto allo stesso periodo del 2015. Il manifatturiero, però, ha recentemente registrato una nuova impennata, con l’attività – secondo l’indice Pmi – in netto miglioramento nell’Eurozona e in Italia.

construction-709487_1920

Dai 50,9 punti di ottobre – si attesta a 50 la soglia base oltre la quale si osserva una fase espansiva – si è passati ai 52,2 di novembre, risultato del maggiore incremento di produzione e nuovi ordini in cinque mesi. La crisi ha molto condizionato l’andamento dell’industria manifatturiera, che secondo alcune recenti analisi dovrebbe chiudere l’anno con una crescita del fatturato, ma a ritmi inferiori rispetto all’anno scorso, per un rallentamento tanto della domanda interna quanto delle esportazioni.
Come ricorda il Censis nel suo ultimo rapporto, i sette anni di crisi si sono fatti sentire non poco: il manifatturiero valeva il 17,6% del valore aggiunto totale nel 2008, mentre nel 2014 era il 15,6%. Nel periodo compreso tra il 2008 e il 2013 si è ridotto del 13,5%, cioè di 30,4 miliardi di euro, nel frattempo l’economia italiana, in complesso, registrava una contrazione del 7%. Tutto questo si è tradotto in una perdita di imprese e occupazionale. Tra il 2009 e il primo semestre di quest’anno la manifattura ha infatti perso 54.992 imprese, il 9,2% del totale, a fronte del -2,5% relativo all’intera economia italiana.
Quali i segnali di ripresa, allora? Intanto – come già sottolineato da altri Centri studi e istituti di ricerca – l’Italia mantiene saldamente il secondo posto in Europa per valore della produzione industriale e il settore contribuisce in maniera marcata all’export (397 miliardi di euro, l’80,4% del totale), collocando così il nostro paese al decimo posto al mondo tra quelli esportatori (con una quota del 2,8% dell’export globale). Il manifatturiero ha fatto segnare nel 2015 un saldo positivo di 93,6 miliardi (5,7% del Pil nazionale).
Non solo. Sul fronte della spesa da parte delle imprese per Ricerca e Sviluppo, l’incidenza del segmento è del 72,1%. Ma soprattutto può dirsi interrotta l’emorragia di imprese osservata negli anni della crisi. L’anno scorso risultavano iscritte ai registri camerali 17.465 imprese manifatturiere, raggiungendo un +2,3% sul 2014. Al primo semestre 2016 le iscrizioni si attestano a 9.883 unità, mentre le cessazioni sono in calo. Se nel 2013 erano pari a 31.177 unità, il dato si è ridotto a 27.796 lo scorso anno.

 

Scrivi una replica

News

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio in congresso all’Uil. «La norma eliminerà la burocrazia per…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Reddito di cittadinanza in cambio di otto ore di lavoro di pubblica utilità»

«L’obiettivo del reddito di cittadinanza non è dare soldi a qualcuno per starsene sul divano ma è dire con franchezza: hai perso il lavoro il…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Questa è la settimana buona per abolire i vitalizi dei parlamentari»

«Questa è la settimana buona per abolire i vitalizi dei parlamentari». Lo ha detto il vice presidente del Consiglio, Luigi Di Maio, intervenendo nel corso…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia