La situazione economica e politica dell’Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

La situazione economica e politica dell’Italia

Il sondaggio Tecnè per Porta a Porta del 14 dicembre: per la maggior parte degli intervistati il governo Gentiloni sarà come il precedente. Nelle intenzioni di voto Pd e M5S sono ora alla pari
di Redazione

L’idea generale è che l’attuale governo sarà come il precedente. A pensarla in questo modo è il 69% degli intervistati da Tecnè per Porta a Porta del 14 dicembre 2016. Il 15% teme che il governo Gentiloni potrà essere peggio del governo Renzi, mentre l’8% afferma che sarà meglio (stessa quota tra chi non indica). In ogni caso, la maggior parte degli intervistati (il 68%), sostiene che il governo debba durare massimo fino a giugno, il tempo, insomma, per approvare una nuova legge elettorale. Il 13% auspica una durata fino al prossimo autunno, l’11% che porti a termine la legislatura nel 2018 (l’8% è senza opinione).

diapositiva_01

diapositiva_02

La nuova legge elettorale è al centro dell’attuale agenda politica. Per il 46% la più adatta all’Italia è il Mattarellum, il sistema misto (in prevalenza maggioritario con un recupero del proporzionale e colleggi uninominali) che disciplinò le elezioni del 1994, del 1996 e del 2001. Il 26% si dice favorevole all’Italicum, quindi ad una legge che preveda un premio al partito o alla coalizione; il 15% vorrebbe un proporzionale senza premio; senza opinione il 13%. Le primarie, utili per indicare ad esempio un leader in vista del voto, andrebbero regolamentate per legge secondo il 58% degli intervistati. È meglio che ogni partito scelga in modo autonomo secondo il 34%, senza opinione l’8%.

diapositiva_03

diapositiva_04

Con il governo Gentiloni la situazione economica dell’Italia potrebbe peggiorare: lo ritiene possibile il 46% degli intervistati. Non cambierà nulla, invece, per il 40%, mentre prevede un miglioramento il 7% (non sa il 7%).

diapositiva_05

Il referendum costituzionale del 4 dicembre ha sancito una sconfitta dei promotori. Tuttavia come cambia il peso politico di Renzi dopo il referendum? Il 51%, la quota maggiore, crede che sia più debole, proprio a causa della recente sconfitta referendaria. Per il 21%, al contrario, è più forte, nonostante l’esito del voto. Il 20% ritiene invece non sia cambiato con il referendum (senza opinione l’8%).

diapositiva_06

Se si votasse oggi per le elezioni politiche, Pd e M5S otterebbero la stessa percentuale, attestandosi al 30%. Forza Italia si collocherebbe al 14,5%, mentre la Lega si attesterebbe all’11,5%. Fratelli d’Italia sarebbe al 4,5% (dal 4,2%), Area Popolare al 3%, stesso risultato per Sinistra Italiana. Altri al 3,5%. L’area degli indecisi si collocherebbe al 16%, quella del non voto al 28%.

diapositiva_07

Tecnè ha provato, però, a immaginare uno scenario che preveda un partito di Renzi, che non sia il Pd. Il quadro vedrebbe così il Movimento 5 Stelle primo partito, con il 31% dei consensi. Seguirebbe proprio il partito di Renzi (19%), più distanziato il Pd (senza Renzi) al 14%. Forza Italia si attesterebbe allora al 13%, la Lega all’11,5%, Fratelli d’Italia al 4,5%, Sinistra Italiana e Area Popolare al 2%, altri al 3%. L’area degli indecisi sarebbe al 19%, quella del non voto al 28%.

diapositiva_08

NOTA METODOLOGICA
Titolo dell’indagine: la situazione economica e politica dell’Italia
Tipo di campione: rappresentativo della popolazione di 18 anni e oltre residente in Italia
Articolazione del campione: sesso, età e area geografica
Estensione territoriale: intero territorio nazionale
Numerosità del campione: 1.000 casi
Margine di errore: +/- 3,1%
Metodo di rilevazione: CATI – CAMI – CAWI
Data di effettuazione delle interviste: 13 dicembre 2016
Committente: Porta a Porta
Soggetto realizzatore: Tecnè S.r.l.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia