Lavoro: giovani in difficoltà anche nell’Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: giovani in difficoltà anche nell’Ue

Tra il 2005 e il 2015 nell'Unione europea la quota dei lavoratori over 50 è sensibilmente cresciuta fino a superare, anche se di poco, quella degli occupati con meno di 35 anni
di Redazione

Gli ultimi dati (provvisori) dell’ISTAT sul mercato del lavoro relativi a novembre 2016 certificano il permanere delle difficoltà occupazionali dei più giovani e la crescita degli over 50 con un impiego. Un fenomeno in atto da qualche anno a questa parte e che non riguarda soltanto il nostro Paese.

giovani

Uno degli ultimi report dell’Eurofound, la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, sottolinea che, nell’ultimo decennio – il dossier analizza l’evoluzione del mercato del lavoro avvenuta tra il 2005 e il 2015 –, nell’Unione europea il tasso di occupazione delle persone d’età compresa tra i 15 e i 64 anni è cresciuto, passando dal 63% al 66%, grazie soprattutto ad una maggiore partecipazione della componente femminile (anche se il tasso di occupazione femminile rimane molto inferiore rispetto a quello maschile: 60 contro il 71%).
Nell’ultimo decennio, però, la popolazione con un impiego si è progressivamente invecchiata. La quota degli lavoratori con oltre 50 anni è cresciuta, passando dal 24 al 31% (+7%). A diminuire invece sono stati i lavoratori nella fascia d’età intermedia (35-49 anni) e i più giovani: contemporaneamente la percentuale degli under 35 con un lavoro è scesa progressivamente fino a toccare il 30% nel 2015. Nel 2005 era al 35%. Si tratta di una media a livello europeo, naturalmente: in alcuni Paesi dell’UE (Germania) il tasso di disoccupazione giovanile è meno elevato rispetto a quello registrato in altri (Italia, Grecia, Spagna…).
“Per la prima volta in molti anni – commenta Eurofound nel report – la quota di lavoratori over 50 ha superato quella degli occupati con meno di 35 anni”, la maggior parte dei quali ha un contratto a tempo determinato – ne ha uno il 20% degli occupati under 35 – oppure lavora senza averne sottoscritto nessuno (13%) contrariamente a quanto accade nella maggior parte dei casi tra i lavoratori più anziani: la quota dei giovani che lavorano con un contratto a tempo determinato o senza contratto è doppia rispetto a quella registrata tra gli altri gruppi d’età. Nell’UE, i lavoratori autonomi sono il 15%, quelli a tempo determinato il 12%. Mentre il restante 73% è composto da lavoratori con contratto a tempo indeterminato o con un altro tipo di contratto (o nessuno).

 

Scrivi una replica

News

Europee, Salvini: «M5s? Abbiamo già i nostri alleati a livello internazionale»

«Non sto ragionando di gruppi unici di alleanze: le europee saranno un’opportunità di cambiamento, come Lega abbiamo le idee chiare su come deve cambiare l’Europa».…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, la Farnesina: «L’ambasciata nordcoreana ci aveva informato del rimpatrio volontario della figlia dell’ambasciatore»

L’Ambasciata della Corea del Nord in Italia aveva avvisato il ministero degli Esteri italiano del rimpatrio volontario della figlia dell’ex ambasciatore reggente nordcoreano a Roma,…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Europee, M5s: «Non entreremo nel gruppo della Lega»

«Il M5S nel prossimo Parlamento Europeo farà parte di un nuovo gruppo fondato sui valori della democrazia diretta. Le prime 4 forze politiche che lo…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Autonomie, Salvini: «La strada maestra è la Costituzione»

Sulle autonomie «la strada maestra è la Costituzione, noi stiamo applicando quanto previsto dalla Costituzione: non c’è un’idea della Lega, è la Costituzione che prevede…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia