Lavoro: giovani in difficoltà anche nell’Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: giovani in difficoltà anche nell’Ue

Tra il 2005 e il 2015 nell'Unione europea la quota dei lavoratori over 50 è sensibilmente cresciuta fino a superare, anche se di poco, quella degli occupati con meno di 35 anni
di Redazione

Gli ultimi dati (provvisori) dell’ISTAT sul mercato del lavoro relativi a novembre 2016 certificano il permanere delle difficoltà occupazionali dei più giovani e la crescita degli over 50 con un impiego. Un fenomeno in atto da qualche anno a questa parte e che non riguarda soltanto il nostro Paese.

giovani

Uno degli ultimi report dell’Eurofound, la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, sottolinea che, nell’ultimo decennio – il dossier analizza l’evoluzione del mercato del lavoro avvenuta tra il 2005 e il 2015 –, nell’Unione europea il tasso di occupazione delle persone d’età compresa tra i 15 e i 64 anni è cresciuto, passando dal 63% al 66%, grazie soprattutto ad una maggiore partecipazione della componente femminile (anche se il tasso di occupazione femminile rimane molto inferiore rispetto a quello maschile: 60 contro il 71%).
Nell’ultimo decennio, però, la popolazione con un impiego si è progressivamente invecchiata. La quota degli lavoratori con oltre 50 anni è cresciuta, passando dal 24 al 31% (+7%). A diminuire invece sono stati i lavoratori nella fascia d’età intermedia (35-49 anni) e i più giovani: contemporaneamente la percentuale degli under 35 con un lavoro è scesa progressivamente fino a toccare il 30% nel 2015. Nel 2005 era al 35%. Si tratta di una media a livello europeo, naturalmente: in alcuni Paesi dell’UE (Germania) il tasso di disoccupazione giovanile è meno elevato rispetto a quello registrato in altri (Italia, Grecia, Spagna…).
“Per la prima volta in molti anni – commenta Eurofound nel report – la quota di lavoratori over 50 ha superato quella degli occupati con meno di 35 anni”, la maggior parte dei quali ha un contratto a tempo determinato – ne ha uno il 20% degli occupati under 35 – oppure lavora senza averne sottoscritto nessuno (13%) contrariamente a quanto accade nella maggior parte dei casi tra i lavoratori più anziani: la quota dei giovani che lavorano con un contratto a tempo determinato o senza contratto è doppia rispetto a quella registrata tra gli altri gruppi d’età. Nell’UE, i lavoratori autonomi sono il 15%, quelli a tempo determinato il 12%. Mentre il restante 73% è composto da lavoratori con contratto a tempo indeterminato o con un altro tipo di contratto (o nessuno).

 

Scrivi una replica

News

Governo, Di Maio: «Abbiamo indicato il nome di Giuseppe Conte»

«Oggi possiamo dire che siamo di fronte a un momento storico. Abbiamo indicato il nome di Giuseppe Conte al presidente della Repubblica», così Luigi di…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Salvini: «Siamo pronti. Vogliamo aumentare il lavoro, nessuno ha niente da temere»

«Noi ci siamo, siamo pronti, abbiamo fatto il nome e indicato la squadra, vogliosi di far crescere l’economia del Paese. Il governo di cui vogliamo…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Abbiamo indicato al presidente della Repubblica il nome che può portare avanti il contratto»

«Abbiamo indicato al presidente della Repubblica il nome che secondo noi può portare avanti il contratto. È un momento storico. Ovviamente il nostro obiettivo era…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Frontex: «Ad aprile il numero dei migranti è sceso del 78% rispetto al 2017»

Ad aprile 2018, il numero di migranti, giunti in Italia attraverso la rotta del Mediterraneo centrale, «è sceso in aprile a circa 2.800, in calo…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia