Beni strumentali: il contributo della domanda interna | T-Mag | il magazine di Tecnè

Beni strumentali: il contributo della domanda interna

Bene sia le consegne intra muros di macchinari che quelle di beni strumentali nel complesso. Le imprese hanno ricominciato a investire
di Redazione

Che per l’Italia, in questa fase di risalita, i consumi interni stiano giocando un ruolo fondamentale lo dimostra anche l’andamento di due settori molto importanti per la nostra economia: quello dei macchinari e, più in generale, quello dei beni strumentali.

class-1227100_1280

Secondo il preconsuntivo sul 2016 – elaborato dall’Ucimu, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot, automazione e di prodotti a questi ausiliari (sostanzialmente i sistemi per produrre) di Confindustria – la produzione del settore è aumentata del 5% rispetto all’anno precedente, arrivando a superare i 5,4 miliardi di euro.
Un buon andamento, per il quale un ruolo primario è stato dettato sì, ancora una volta, dalle esportazioni – per le quali il valore delle consegne risulta maggiore rispetto a quello delle consegne sul mercato interno – ma che riportano comunque una contrazione rispetto al 2015. Secondo il resoconto, infatti, mentre le consegne intra muros sono aumentate del 20,5% rispetto al 2015 (raggiungendo i 2,250 miliardi di euro), le consegne all’estero sono diminuite del 3,3%, fermandosi ad un valore di 3,2 miliardi di euro.
In particolare, la voce del consuntivo relativa al consumo interno in senso stretto (che prende in considerazione, quindi, anche le importazioni) indica un aumento del 10,1%, la terza crescita annua consecutiva a doppia cifra, lasciando intravedere una risalita degli investimenti da parte delle imprese nelle tecnologie per la produzione.
L’importanza della risalita della domanda interna per il settore si può osservare anche dall’andamento dell’intero mercato dei beni strumentali (ovvero, secondo l’Istat, “i beni utilizzati per la produzione di altri beni – macchine, mezzi di trasporto eccetera -, destinati a essere utilizzati per un periodo superiore a un anno) la cui produzione, secondo Federmacchine, nel 2015 ha registrato una crescita del 4,6% superando i 38 miliardi di euro.
In questo caso il consumo domestico è cresciuto dell’8,3% a 18,8 miliardi di euro. Un aumento legato sia al +4,9% che ha interessato le consegne dei costruttori italiani sul mercato interno (per un valore di 11,1 miliardi di euro), sia al +13,7% delle importazioni (pari a 7,7 miliardi). Tuttavia, anche l’export nel periodo considerato ha presentato un andamento incoraggiante: +4,5% a 27,3 miliardi di euro.
Gli ultimi dati disponibili diffusi dall’Istat, relativi alla produzione di beni strumentali, sembrano confermare un buon andamento anche per l’anno in corso: tra i primi undici mesi del 2015 e lo stesso periodo del 2016 si registra un incremento del 3,4%.

 

Scrivi una replica

News

Rifiuti, firmato protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi

Firmato durante una riunione di governo a Caserta il protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi, una vasta area tra le province di…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Patuelli: «Uscire dall’euro sarebbe assolutamente una pazzia»

«Uscire dall’euro? Sarebbe assolutamente una pazzia, una devastazione economica. Non se ne parla più e ora si ragioni prospetticamente per usufruire dei vantaggi della moneta…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abi: «Uno spread Btp-Bund a 300 punti avrà un impatto negativo sui prestiti»

Uno spread Btp Bund a «300 punti non è coerente con i fondamentali dell’economia». Lo hanno detto i vertici dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana, intervenendo nel…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: «Siamo ad un momento decisivo»

«Siamo ad un momento decisivo» per la Brexit. Lo ha detto il capo negoziatore della Commissione responsabile per la Brexit, Michel Barnier, intervenendo nel corso…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia