La crescita economica nonostante Brexit | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crescita economica nonostante Brexit

Per adesso il pessimismo è smentito dai numeri. Ma non si può escludere un peggioramento nel prossimo futuro
di Redazione

Gli scenari nefasti che anticiparono il referendum britannico di giugno sulla permamenza o meno del Regno Unito nell’Ue, oggi sembrano preoccupare meno. I fondamentali dell’economia britannica mostrano solidità e anche la crescita dell’Eurozona non ha subito particolari contraccolpi. Ma c’è da considerare un contesto internazionale favorevole e un iter per l’uscita dall’Unione europea che di fatto non è ancora cominciato.

theresa_may

Nell’ultimo outlook di Istat-Insee-Ifo si osserva, nel terzo trimestre 2016, un andamento dell’economia positivo, in miglioramento rispetto ai trimestri precedenti. La crescita è stata trainata molto dagli Stati Uniti, ma anche l’economia giapponese e di molti paesi emergenti è risultata più vivace. In tale contesto si colloca la crescita dell’Eurozona (+0,3% nel periodo di riferimento), che dunque non ha risentito degli esiti del referendum in Gran Bretagna come precedentemente temuto.
A ben vedere, però, è la Gran Bretagna, soprattutto, a non aver mostrato segni di cedimento. Sempre nel terzo trimestre, infatti, il Pil del Regno Unito è cresciuto dello 0,6% (allo stesso ritmo del periodo precedente e in rialzo sul +0,2% della prima parte dell’anno), consolidando la crescita su base annua (+2,2%). Un dato negativo è giunto tuttavia dalla componente estera, con l’export in calo secondo l’ultima analisi Ocse. Il mercato del lavoro, invece, ha continuato a segnare progressi, pur in presenza di un leggero aumento degli inattivi. Nello specifico il tasso di disoccupazione è sceso al 4,8% nei tre mesi successivi alla Brexit, il valore più basso dal 2005. Anche la produzione industriale – indicatore molto utile per misurare lo stato di un’economia – ha registrato a novembre un progresso del 2,1% e del 2% su base annua, ben sopra le attese, con un balzo in avanti per la produzione manifatturiera dell’1,3% rispetto al mese di ottobre e dell’1,2% sull’anno.
Tutto bene, quindi? Dipende. Le trattative per l’uscita del Regno Unito dall’Ue cominceranno nei prossimi mesi. Le possibilità di “soft Brexit” o “hard Brexit” (nel primo caso l’uscita dalle istituzioni europee non comprenderà una completa esclusione dal mercato unico) potranno avere un impatto più o meno positivo o negativo sull’economia (alcune imprese, data l’incertezza, hanno già deciso di diminuire gli investimenti). In più la svalutazione della sterlina – tra i primi effetti tangibili della Brexit – potrebbe ridurre ulteriormente il potere d’acquisto (contraendo perciò i consumi) a causa dell’inflazione. Che secondo le stime della Banca d’Inghilterra dallo 0,6% di luglio potrebbe avvicinarsi quest’anno al 3%.

 

Scrivi una replica

News

Oms: «Il virus non è sparito, sono previste nuove ondate»

«Anche se il lockdown è stato abolito in molti paesi, bisogna continuare a mantenere il distanziamento e isolarsi immediatamente se ci si ammala». Lo ha…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 101mila morti negli Stati Uniti

Continuano a salire i casi di contagio negli Stati Uniti, dove i casi totali sono oltre 1,7 milioni e i decessi hanno superato quota 101mila.…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 360mila morti in tutto il mondo

Sono oltre 360mila i morti da coronavirus in tutto il mondo, dove si contano anche 5,8 milioni di casi. Lo ha reso noto la Johsn…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Inflazione maggio -0,1%. Prima volta dal 2016»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di maggio 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

29 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia