Debito-Pil: le previsioni per il 2017 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Debito-Pil: le previsioni per il 2017

Nonostante tutto il rapporto tra il debito e il Prodotto interno lordo dovrebbe restare al di sopra dei livelli del 2015
di Redazione

Nell’Inclusive growth and development del WEF (acronimo che sta per World Economic Forum) l’Italia non occupa una buona posizione: nella classifica stilata nel rapporto, che valuta i Paesi avanzati per “la crescita inclusiva” – ovvero la capacità di ridurre le disparità di reddito e favorire l’inclusione sociale –, l’Italia occupa il 27esimo posto su 30.

crisi economica

Tanti sono i fattori che penalizzano il nostro Paese, del resto. Tra questi il WEF indica anche “un altro rapporto debito/PIL che pesa sulle future generazioni”.
Le ultime statistiche disponibili rivelano che, a novembre 2016 – i dati sono stati diffusi dalla Banca d’Italia –, il debito pubblico è cresciuto rispetto al mese precedente di 5,6 miliardi, raggiungendo i 2.229,4 miliardi di euro. Eppure il rapporto tra il debito e il Prodotto interno lordo dovrebbe ridursi (leggermente) nel corso del 2017, pur restando al di sopra dei livelli registrati nel 2015.
Analizzando i documenti programmatici di bilancio dei principali Paesi europei, l’Ufficio parlamentare di bilancio – un organismo indipendente costituito nel 2014 con il compito di svolgere analisi e verifiche sulle previsioni macroeconomiche e di finanza pubblica del governo – sottolinea che, in Italia, lo stock di debito in rapporto al PIL nel 2017 dovrebbe ridursi rispetto al 2016 ma sarà ancora pari al 132,6%, quindi leggermente superiore (di 0,3 punti percentuali) a quello registrato nel 2015 (secondo la Commissione europea, il rapporto debito-PIL dell’Italia passerà dal 133% del 2016 al 133,1% del 2017 per restarvi anche nel 2018).
Eppure ridurlo ulteriormente offre dei benefici: nel Rapporto sulla finanza locale, la Cassa depositi e prestiti (CDP) sostiene che gli effetti positivi degli investimenti pubblici tendono a perdere la loro efficacia – il capitale pubblico ha un impatto positivo sulla crescita della produttività, si legge nel report – quando il rapporto tra il debito pubblico e il PIL si avvicina all’80%, per poi diventare definitivamente negativi una volta oltrepassata tale soglia. Restarne al di sotto, senza rinunciare agli investimenti pubblici, diventa fondamentale.
Secondo la CDP, una riduzione del rapporto debito pubblico/PIL pari al 5% all’anno – il target previsto dal Fiscal Compact – consentirebbe all’Italia di tornare, nell’arco di dieci anni, a un livello di debito pienamente compatibile con un effetto positivo del capitale pubblico sulla crescita dell’economia.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, incontro Juncker-Conte in programma per mercoledì

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, incontrerà quello della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, per discutere della manovra italiana, mercoledì 12 dicembre, a Bruxelles. Lo ha…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, sono 164 i Paesi che hanno aderito al Global compact for Migration

Sono 164 i Paesi che hanno aderito per acclamazione, durante il vertice di Marrakech, al Global compact for Migration, il patto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Bruxelles: «L’accordo raggiunto non rinegoziabile»

«Il nostro assunto di lavoro resta che la Gran Bretagna lascerà l’Ue il 29 marzo 2019» e che l’accordo raggiunto sia «l’unico possibile», «non rinegoziabile»,…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May annuncia alla Camera dei Comuni il rinvio del voto sull’accordo

«Se il voto fosse andato avanti, sarebbe stato bocciato con ampio margine». Lo ha detto la premier britannica, Theresa May, motivando il rinvio del voto…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia