Consumi: i beni durevoli trainano la crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Consumi: i beni durevoli trainano la crescita

Secondo il Rapporto COOP, nel 2017 i consumi potrebbero subire invece una battuta d'arresto
di Redazione

La crescita dei consumi interni registrata nel 2016 (+1,5%) è stata trainata dalla spesa dei beni durevoli (+6,4%). A sottolinearlo è l’Osservatorio Findomestic, secondo cui l’incremento di consumi degli italiani è stato trainato in particolare dalla vendita di nuove automobili – nel 2016 le immatricolazioni sono aumentate del 16,1% –, dei motoveicoli (+13,3%) e dei mobili (+2%). Ma a crescere, dopo il calo del 3,2% rilevato nel corso del 2015, sono stati anche i prodotti ICT (+0,7%).

beni durevoli frigo

Le cose non dovrebbero andare altrettanto bene nel 2017, purtroppo. Il Rapporto COOP, redatto dall’Ufficio Studi dell’Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori (ANCC-COOP) con la collaborazione scientifica di REF, sostiene che nel 2017 i consumi subiranno “una battuta d’arresto”, dopo un biennio caratterizzato da un ritmo di crescita superiori all’1%. A incidere sarà la ripresa dell’inflazione – l’ISTAT rileva che il 2016 si è chiuso comunque in deflazione (non accadeva dal 1959) – che potrebbe influenzare (riducendolo) il potere d’acquisto delle famiglie italiane: nel 2017 i prezzi dovrebbero crescere dell’1,1%, sostiene lo studio.
Tra le voci di spesa in crescita, oltre ai servizi ricreativi (+2,8%), il Rapporto COOP segnala la telefonia e i prodotti tecnologici (computer e altri accessori) rispettivamente in aumento dell’8 e del 7,3%. A diminuire sarà la spesa per l’acquisto di giornali, libri (-2,4%) e per la manutenzione e la riparazione della casa, in calo del 2,6% (a proposito dell’abitazione, il 50° Rapporto del CENSIS sulla situazione sociale del Paese rilevava che il 51,7% degli italiani intende tagliare ancora le spese ordinarie per la casa e per l’alimentazione).
La spesa alimentare potrebbe invece aumentare, secondo il Rapporto COOP: gli italiani che contano di aggiungere valore al carrello alimentare sono circa il doppio rispetto a quelli che pensano di ridurre ulteriormente la spesa (il 13% contro l’8%), una cosa che non accadeva da diversi anni.
Durante la crisi economica gli italiani hanno ridotto considerevolmente i consumi alimentari: per il CENSIS, nel periodo compreso tra il 2007 e il 2015, la spesa alimentare delle famiglie italiane è diminuita in media del 12,2% in termini reali, anche se per i nuclei familiari meno ambienti il calo è stato ancora più significativo: nelle famiglie operaie è crollata del 19,4% e in quelle con a capo un disoccupato del 28,9%.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: «La domanda interna continua a sostenerne l’espansione»

«Anche se i dati sono più deboli di quanto atteso, a fronte di una domanda estera e di fattori specifici di Paesi e settori, la…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

BCE: da fine dicembre stop al QE, tassi invariati fino a estate 2019

Nella riunione odierna il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE) ha deciso che i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, slitta a dopo gennaio il voto di ratifica sugli accordi

Secondo quanto fatto trapelare dall’opposizione laburista attraverso un tweet, l’ordine dei lavori presentato oggi dalla ministra per i Rapporti con il Parlamento, Andrea Leadsom, prevede…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Moscovici: «Italia deve compiere ulteriori sforzi per il bilancio»

«L’Italia dovrebbe compiere ulteriori sforzi per il Bilancio 2019.È un passo nella giusta direzione, ma ancora non ci siamo, ci sono ancora dei passi da…

13 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia