Giù le vendite al dettaglio tra ottobre e novembre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giù le vendite al dettaglio tra ottobre e novembre

Secondo l’Istat a novembre le vendite al dettaglio sono diminuite dello 0,7% in valore e dello 0,8% in volumi. Il confronto tendenziale, invece, mostra rispettivamente un +0,8% e un +0,7%
di Redazione

A novembre le vendite al dettaglio italiane hanno registrato nuovamente un calo congiunturale, invertendo la rotta rispetto al mese precedente. La diminuzione ha interessato sia il valore delle vendite (-0,7%), che i volumi (-0,8%). Bene, invece, il confronto tendenziale.
Rispetto ad ottobre, emerge dalle rilevazioni dell’Istat, sono diminuite sia le vendite di generi alimentari che quelle di generi non alimentari. In valore le prime sono diminuite dell’1,2% (-1,3% in volume), mentre le seconde hanno riportato una contrazione più esigua, -0,5% (-0,4% in volumi).

carrello_della_spesa

Ma vediamo l’andamento tendenziale. Rispetto allo stesso mese dello scorso anno le vendite al dettaglio sono aumentate dello 0,8% in valore e dello 0,7% in volumi, risultato di un aumento piuttosto marcato delle vendite non alimentari (+1% in valore e +0,9% in volumi), mentre risulta inferiore il contributo delle vendite di generi alimentari (+0,3% in valori e +0,2% in volumi).
Per quanto riguarda le forme distributive, nelle rilevazioni dell’istituto nazionale di statistica si può notare il buon risultato delle imprese operanti su piccoli esercizi, che riportano una crescita del valore delle vendite al dettaglio dell’1% (+0,6% alimentari e +1,2% non alimentari), a fronte del +0,3% della grande distribuzione (rispettivamente +0,2% e +0,4%).
Andamento opposto è stato invece registrato nell’arco del periodo gennaio-novembre 2016 sullo stesso periodo dello scorso anno. In questo caso, infatti, i risultati migliori hanno interessato la grande distribuzione, che registra un aumento delle vendite dello 0,5% (+0,6% alimentari e +0,5% non alimentari), mentre le imprese più piccole hanno registrato una contrazione dello 0,3% (-1% alimentari e -0,2% non alimentari). Nel complesso le vendite al dettaglio nei primi undici mesi dell’anno sono aumentate dello 0,1% in valore, ma sono diminuite dello 0,3% i volumi di vendita.
Rappresentando l’ultimo anello della catena di distribuzione, le vendite al dettaglio sono un buon indicatore per misurare l’andamento dei consumi degli italiani. Ancora più specifico può essere considerato, invece, l’Indicatore dei consumi della Confcommercio.
Secondo tale indice, a novembre, i consumi totali (considerando quindi sia i consumi di beni che di servizi) sono aumenti dello 0,4%. In particolare la Confcommercio segnala un aumento dei consumi di beni dello 0,7% e una diminuzione dello 0,2% per i servizi. Rispetto allo stesso mese dello scorso anno, la Confcommercio rileva un +2,2% per i consumi totali (+1,9% per i servizi e +2,3% per i beni).

 

Scrivi una replica

News

Rifiuti, firmato protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi

Firmato durante una riunione di governo a Caserta il protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi, una vasta area tra le province di…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Patuelli: «Uscire dall’euro sarebbe assolutamente una pazzia»

«Uscire dall’euro? Sarebbe assolutamente una pazzia, una devastazione economica. Non se ne parla più e ora si ragioni prospetticamente per usufruire dei vantaggi della moneta…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abi: «Uno spread Btp-Bund a 300 punti avrà un impatto negativo sui prestiti»

Uno spread Btp Bund a «300 punti non è coerente con i fondamentali dell’economia». Lo hanno detto i vertici dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana, intervenendo nel…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: «Siamo ad un momento decisivo»

«Siamo ad un momento decisivo» per la Brexit. Lo ha detto il capo negoziatore della Commissione responsabile per la Brexit, Michel Barnier, intervenendo nel corso…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia