I fattori che incentivano l’e-commerce | T-Mag | il magazine di Tecnè

I fattori che incentivano l’e-commerce

La domanda interna rappresenta uno stimolo fondamentale per convincere le imprese a puntare sulle vendite on-line
di Redazione

Uno degli ultimi rapporti di Nielsen certifica l’87% degli italiani, che navigano su internet, effettua acquisti on-line. Aumentarne il numero potrebbe incentivare le aziende a puntare sul commercio elettronico, sostiene uno studio.
L’indagine – il sondaggio è stata effettuato su un campione di 30mila persone in 63 Paesi, tra i quali l’Italia – rivela che i consumatori italiani acquistano on-line soprattutto beni durevoli o di svago (viaggi, libri, articoli di moda, abbigliamento, accessori, biglietti per concerti ed eventi sportivi, elettronica di consumo e informatica) mentre continuano a preferire il negozio tradizionale per l’acquisto di prodotti alimentari freschi.

e-commerce

Per quanto in crescita, l’e-commerce in Italia (21 miliardi di euro nel 2015) rappresenta soltanto una piccola porzione del giro d’affari complessivo a livello europeo, pari a 600 miliardi di euro l’anno. Difficile sorprendersi – poche sono le imprese ad aver ricevuto almeno un ordine on-line nel 2015: il 7% tra quelle con almeno 10 dipendenti (nell’area euro la media è stata del 17%) –, eppure i margini di crescita ci sono: in un rapporto sull’e-commerce (E-commerce in Italia: ritardi e potenzialità), BEM Research scrive che, se le famiglie italiane adottassero una frequenza di acquisto e un importo medio acquistato via internet in linea con quello della zona euro, il mercato dell’e-commerce italiano potrebbe raggiungere circa 50 miliardi di euro, pari a circa il doppio del volume attuale. La scarsa propensione delle imprese italiane alle vendite on-line – nel 2014 tra le aziende, che disponevano di un sito internet, soltanto il 17% offriva il servizio e-commerce – rappresenta un freno alla sua diffusione.
Incentivare i consumatori ad effettuare acquisti on-line potrebbe accrescere il numero di aziende che decidono di puntare sul commercio elettronico: analizzando i dati forniti dall’Eurostat, relativi al numero delle imprese che hanno ricevuto un ordine e gli individui dello stesso Paese che hanno effettuato un acquisto attraverso internet, lo studio certifica che la domanda interna rappresenta uno stimolo fondamentale per convincere le imprese a puntare sulle vendite on-line. Ciò sembra valere soprattutto per le aziende di grandi dimensioni, sottolinea lo studio.
BEM Research sottolinea anche che nei Paesi, dove l’e-commerce è maggiormente diffuso, le imprese sono più grandi, assumono, producono e investono di più, mentre i lavoratori sono più produttivi e guadagnano di più.

 

Scrivi una replica

News

Rifiuti, firmato protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi

Firmato durante una riunione di governo a Caserta il protocollo d’intesa per un’azione urgente nella Terra dei fuochi, una vasta area tra le province di…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Patuelli: «Uscire dall’euro sarebbe assolutamente una pazzia»

«Uscire dall’euro? Sarebbe assolutamente una pazzia, una devastazione economica. Non se ne parla più e ora si ragioni prospetticamente per usufruire dei vantaggi della moneta…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abi: «Uno spread Btp-Bund a 300 punti avrà un impatto negativo sui prestiti»

Uno spread Btp Bund a «300 punti non è coerente con i fondamentali dell’economia». Lo hanno detto i vertici dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana, intervenendo nel…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: «Siamo ad un momento decisivo»

«Siamo ad un momento decisivo» per la Brexit. Lo ha detto il capo negoziatore della Commissione responsabile per la Brexit, Michel Barnier, intervenendo nel corso…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia