Mercato del lavoro stabile, distanti dalla media europea | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mercato del lavoro stabile, distanti dalla media europea

A dicembre il tasso di occupazione è fermo al 57,3%, quello di disoccupazione è al 12%. Nell'Eurozona si attesta al 9,6%
di Redazione

Un paragone con la Germania, dove il tasso di disoccupazione a gennaio è calato al 5,9% (nuovo minimo storico dalla riunificazione), risulterebbe certamente impietoso. Ma il mercato del lavoro italiano chiude il 2016 all’insegna della stabilità (occupazione e disoccupazione), e non è proprio un bene.

construction-709487_1920

A dicembre 2016, infatti, stando agli ultimi dati Istat, il tasso di disoccupazione si attesta su valori ancora ben al di sopra della media europea, al 12% (in aumento dello 0,3% dal periodo luglio-settembre al trimestre ottobre-dicembre 2016). Il tasso di occupazione è invece fermo al 57,3%, restando nei posti più ai margini della classifica europea.
Il trend appare consolidato: nel 2015 il tasso di occupazione per le persone tra i 15 e i 64 anni si collocava al 56,3% ed è salito nel 2016, tuttavia il dato medio dell’Ue nello stesso periodo si attestava al 65,6%.
Analogamente, osservando il tasso di disoccupazione relativo a dicembre, chi è in cerca di lavoro rappresenta l’8,2% nella media Ue28 e il 9,6% nella media dell’Eurozona, entrambi i valori sono i più bassi dal 2009 (rispettivamente dai mesi di febbraio e maggio, dati Eurostat).
Per quanto riguarda la disoccupazione giovanile si evidenzia una risalita, al 40,1% (ma l’Istat, al solito, ricorda che dal calcolo del tasso di disoccupazione sono per definizione esclusi i giovani inattivi, cioè coloro che non sono occupati e non cercano lavoro, nella maggior parte dei casi perché impegnati negli studi; l’incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 10,9%, cioè poco più di un giovane su 10 è disoccupato).
Il dato della disoccupazione giovanile si attesta al 18,6% nell’Ue28 e al 20,9% nell’area della moneta unica, in entrambi i casi in diminuzione dall’anno prima. Il tasso di disoccupazione giovanile più basso è quello che si registra in Germania (6,5%), i più alti si osservano in Grecia (44,2%, ottobre 2016), Spagna (42,9%) e, appunto, Italia.

 

Scrivi una replica

News

Governo, Di Maio: «Abbiamo indicato il nome di Giuseppe Conte»

«Oggi possiamo dire che siamo di fronte a un momento storico. Abbiamo indicato il nome di Giuseppe Conte al presidente della Repubblica», così Luigi di…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Salvini: «Siamo pronti. Vogliamo aumentare il lavoro, nessuno ha niente da temere»

«Noi ci siamo, siamo pronti, abbiamo fatto il nome e indicato la squadra, vogliosi di far crescere l’economia del Paese. Il governo di cui vogliamo…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Abbiamo indicato al presidente della Repubblica il nome che può portare avanti il contratto»

«Abbiamo indicato al presidente della Repubblica il nome che secondo noi può portare avanti il contratto. È un momento storico. Ovviamente il nostro obiettivo era…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Frontex: «Ad aprile il numero dei migranti è sceso del 78% rispetto al 2017»

Ad aprile 2018, il numero di migranti, giunti in Italia attraverso la rotta del Mediterraneo centrale, «è sceso in aprile a circa 2.800, in calo…

21 Mag 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia