Inattivi e disoccupati: il mercato del lavoro non è fermo del tutto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Inattivi e disoccupati: il mercato del lavoro non è fermo del tutto

Stabili il tasso di occupazione e quello di disoccupazione, ma aumenta il numero di chi si rimette in cerca di un impiego
di Redazione

Non è un mercato del lavoro fermo del tutto quello che emerge dall’ultima diffusione Istat sul tema. Gli inattivi sono infatti in diminuzione e il trend conferma l’andamento degli ultimi tempi: la quota di persone che dallo stato di inattività è transitato verso quello di disoccupazione (periodo di riferimento terzo trimestre 2015-terzo trimestre 2016) è cresciuta al 7,6% dal 7,1% di un anno prima.

lavoro_disoccupazione

Ma a dicembre 2016 si rileva una nuova inversione di tendenza rispetto al mese precedente: se a novembre era stata la componente femminile a determinare la crescita della stima degli occupati, nelle ultime settimane dell’anno la stabilità rilevata è la sintesi di un aumento degli occupati uomini (+0,3%) e di un calo per le donne (-0,4%). Il tasso di occupazione maschile risulta perciò in crescita al 66,6% (+0,2 punti percentuali), mentre quello femminile in calo al 48,1% (-0,2 punti).
Analogamente si osservano ampie differenze analizzando i dati dei senza lavoro: il tasso di disoccupazione per la componente maschile si attesta all’11,1%, quello della componente femminile al 13,2%, in aumento dell’1,1% tendenziale. E pure per quanto riguarda l’inattività, anche se il quadro appare in miglioramento, per le donne si rilevano percentuali molto più alte: 44,6% (ma in calo rispetto ad un anno fa) contro 24,9%.
Il mercato del lavoro, dicevamo, non è completamente fermo. Alcuni indicatori accessori mostrano ancora un andamento in affanno, certo, ma in generale la diminuzione della stima degli inattivi – sebbene contenuta sul mese – è una buona notizia. Gli inattivi, per definizione, sono le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle che l’Istat non classifica come occupate o in cerca di occupazione: una crescita contestuale di disoccupati e inattivi potrebbe stare a significare una stortura all’interno del mercato del lavoro.
Al contrario chi esce dalle componenti distanti dal mercato del lavoro può ampliare la platea dei disoccupati e a dicembre è sia aumentata la stima di chi sta cercando un impiego seppure con esiti negativi (+9 mila; +78 mila nell’ultimo trimestre), sia diminuita quella degli inattivi (-15 mila; -78 mila nell’ultima parte del 2016). Un movimento si spera sintomatico di una rinnovata fiducia rispetto al passato.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, Juncker: «La esamineremo senza alcun pregiudizio verso l’Italia»

La Commissione europea esaminerà il progetto di bilancio del governo italiano, presentato dal premier Giuseppe Conte «con passione», senza «alcun pregiudizio negativo. Sarà esaminato con…

18 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Merkel: «L’Italia deve avere un dialogo con la Commissione Ue»

«Ho sottolineato con Conte che l’Italia deve avere un dialogo con la Commissione Ue» sulla manovra. Lo ha detto la cancelliera tedesca, Angela Merkel, intervenendo…

18 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Kurz: «I debiti eccessivi sono un problema anche per l’Ue»

«I debiti eccessivi» sono «pericolosi», non solo «per i Paesi che li hanno accumulati», ma «anche per l’Europa». Lo ha detto il cancelliere austriaco, Sebastian…

18 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Serve un alto senso di responsabilità da parte della politica»

«È indispensabile uno sforzo condiviso per dimostrare la capacità del nostro Paese di affrontare le sfide». Così il capo dello Stato, Sergio Mattarella, in un…

18 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia