Solo il 6,7% delle imprese italiane vende online | T-Mag | il magazine di Tecnè

Solo il 6,7% delle imprese italiane vende online

La quota di transazioni legate all'e-commerce è pari a solo l'8,8% delle transazioni commerciali totali
di Redazione

Recentemente un’indagine realizzata da Nielsen ha certificato che l’87% degli internauti italiani effettua acquisti online. Un’altra ricerca, in questo caso di BEM Research, ha invece dimostrato che nei Paesi dove l’e-commerce è maggiormente diffuso, le imprese sono più grandi, assumono, producono e investono di più, con effetti positivi anche sulla produttività dei lavoratori. Eppure la quota di imprese che in Italia decidono di puntare su strumenti per favorire il commercio elettronico è ancora piuttosto bassa rispetto alla media europea.

e-commerce

Secondo il Centro Studi Impresa Lavoro, solo il 7,6% delle imprese italiane vende online i propri beni e servizi, un dato in aumento rispetto al 5,3% del 2014 e al 6,7% del 2015, ma nettamente inferiore rispetto al 17,8% della media europea. Nella classifica europea siamo infatti terzultimi, facendo meglio solamente di Romania, con una quota de 7,4%, e Bulgaria, con il 5,4%.
Al vertice della classifica troviamo invece Irlanda, con il 30,3%, Danimarca, 27,7% e Svezia, 26,8%. Osservando le quote di imprese che vendono online dei nostri principali partner spicca il sesto posto della Germania con il 26,2%, mentre il Regno Unito si posiziona nono con il 19,4%, seguito dalla Spagna con il 19,1%. La Francia si piazza appena al di sotto della media europea con il 16,6%.
In Italia, di conseguenza, risulta esigua anche il peso delle transazioni online sul totale delle transazioni commerciali. Secondo le elaborazioni del Centro studi le transazioni commerciali online costituiscono solo l’8,8% del totale, contro il 16,4% della media europea. Al top in questo senso troviamo l’Irlanda, il Belgio e la Repubblica Ceca, rispettivamente con il 35,1%, il 31,3% e il 30,5%. Al di sopra della media Ue troviamo anche il Regno Unito, con il 19%, e la Francia con il 16,7%. Spagna appena al di sotto della media con il 15,5% mentre in Germania le transazioni online sono il 14,4% delle transazioni commerciali totali.
Uno studio realizzato dal Politecnico di Milano spiega comunque che l’e-commerce in Italia sta facendo notevoli passi in avanti, soprattutto grazie al mobile. Nel 2016 il valore degli acquisti in rete da parte degli italiani potrebbe esser cresciuto del 18% arrivando a toccare i 20 miliardi di euro. La crescita ha interessato sia le transazioni legate ai beni, con un +32%, che quelle legate ai servizi, per le quali si rileva invece un più lieve +8%. Come spiegato il contributo del mobile è stato notevole, basti pensare che il valore delle transazioni effettuate tramite dispositivi mobili ha registrato un +63% a 3,3 miliardi di euro.

 

Scrivi una replica

News

Russia-Stati Uniti, Putin: «Lasciarci alle spalle questo clima da guerra fredda»

«Dobbiamo lasciare dietro le spalle questo clima da guerra fredda, non c’è bisogno dello scontro, la situazione è cambiata, bisogna affrontare le sfide comuni, il…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Le relazioni tra Stati Uniti e Russia stanno migliorando»

«Le nostre relazioni non erano mai state peggiori di quanto non lo siano adesso. Tuttavia adesso sono cambiate perché quattro ore fa ci siamo incontrati».…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, la Cina ricorrerà al Wto contro i dazi imposti dagli Stati Uniti

Il governo cinese ricorrerà al WTO, l’Organizzazione mondiale del commercio, contro la minaccia di dazi aggiuntivi al 10% annunciati dagli Stati Uniti sull’import di prodotti…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Andare d’accordo con la Russia è una cosa positiva»

«Non siamo andati molto d’accordo negli ultimi anni, ma credo che avremo un buon rapporto in futuro: andare d’accordo con la Russia è una cosa…

16 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia