Imprese: fallimenti in calo nel 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese: fallimenti in calo nel 2016

Nel 2016 prosegue l'inversione di tendenza con una diminuzione del 7,7% sul 2015, ma è +43,5% rispetto a otto anni fa
di Redazione

Un’ulteriore conferma arriva dall’ultima indagine realizzata da Cribis D&B, società del gruppo Crif: in Italia, lo scorso anno, emerge un importante calo dei fallimenti. Le imprese italiane, dunque, godono di una migliore salute rispetto a qualche anno fa, ma bisogna tenere in considerazione diversi fattori (ripartizione geografica e settori coinvolti) per avere un quadro esaustivo della situazione.

shop-906722_1920

Che, a proposito dello stato di salute delle aziende italiane, lo scenario sia ora più favorevole è dimostrato anche dai pagamenti commerciali che a dicembre 2016 hanno continuato a mostrare una diminuzione dei ritardi gravi nei pagamenti, uno dei principali indicatori per le imprese.
Ora, se è vero che lo scorso anno le imprese costrette a chiudere sono state 13.467, vale a dire il 7,7% in meno rispetto al 2015, dall’altro lato non si può non osservare come l’inversione di tendenza positiva, dopo anni caratterizzati dal costante aumento dei fallimenti, non sia ancora in grado di sviluppare una sorta di effetto compensazione. Il recupero va a rilento e i dati attuali restano parecchio distanti dai livelli pre-crisi.
Lo scorso anno sono fallite in media 53 imprese al giorno, e il gap negativo rispetto al 2009 è ampiamente negativo. La percentuale dei fallimenti, rileva Cribis, segna un aumento del 43,5% nel confronto con otto anni fa.
Per quanto riguarda la distribuzione a livello territoriale emerge che la Lombardia si conferma la regione d’Italia in cui si registra il maggior numero di fallimenti, mentre la seconda è il Lazio. Poi Veneto, Campania, Toscana ed Emilia Romagna.
Infine, considerando i settori, quello che nel corso del 2016 ha fatto registrare il maggior numero di fallimenti è stato il commercio (4.064 casi), a seguono il comparto dell’edilizia (2.764), l’industria (2.649) e i servizi (1.995). L’edilizia è uno dei settori che più ha subito i contraccolpi della crisi economica, ma non deve stupire neppure il primato del commercio, con i negozi in particolare in sofferenza.
Con pochi mesi davanti per chiudere il 2016, già Confesercenti osservò – stando alle proprie elaborazioni su dati Infocamere/Movimpresa – che dall’inizio dell’anno si erano persi 3.157 negozi, al ritmo di circa 11 in meno ogni giorno. A pesare, forse, anche l’andamento dei consumi che proprio l’anno scorso ha fortemente rallentato il recupero rispetto al 2015.

 

Scrivi una replica

News

Dl sicurezza e immigrazione, Salvini: «Non lediamo nessun diritto fondamentale»

«Non lediamo nessuno diritto fondamentale: se entri a casa mia e spacci ti accompagno da dove sei arrivato». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «A breve la “manovra del popolo” che gli ultimi e fa la guerra ai potenti»

Quella a cui sta lavorando il governo è «la “manovra del popolo”» che «aiuta gli ultimi e fa la guerra ai potenti». Lo ha scritto…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, il Cdm ha approvato il decreto sicurezza e immigrazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato, dopo circa un’ora di discussione, il decreto immigrazione e sicurezza. «Decreto Sicurezza, alle 12.38 il Consiglio dei ministri approva…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Di Maio: «I giornali cercano di imputare al nostro governo i disastri di Renzi»

«Oggi tutti i giornali si rendono conto dei casini che il Pd ha combinato con il Jobs Act perché presto scadrà la cassa integrazione per…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia