Cosa accadrebbe con lo spread a 200 punti? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cosa accadrebbe con lo spread a 200 punti?

Secondo il centro studi Unimpresa, con uno spread tra Btp e Bund stabile a 200 punti si perderebbero 20 miliardi di euro nel biennio 2017-2018
di Redazione

Un po’ la ripresa stenta a decollare, un po’ l’incertezza politica del nostro Paese. A tutto ciò si aggiungono le ultime dichiarazioni anti europeiste della leader francese del partito Front National, Marine Le Pen, le spinte protezionistiche e le tensioni geopolitiche. Sono diverse le cause che hanno riportato ieri lo spread tra i Btp decennali italiani e i Bund tedeschi di pari scadenza intorno ai 200 punti base. Un livello che, se rimanesse tale, secondo il Centro studi Unimpresa potrebbe “bruciare” 20 miliardi di euro nel biennio 2017-2018.

crisi-economica-borsa-110712130036_big

Ma cos’è lo spread? Mentre prima era un tema che interessava maggiormente gli addetti ai lavori, durante la crisi economica anche quotidiani, tv e radio hanno cominciato a parlare con insistenza dello spread, un numero utile a misurare lo stato di salute dell’economia italiana. Per spread si intende il differenziale di rendimento, da qui a dieci anni, dei titoli di Stato italiani – ovvero quelli che interessano il nostro Paese, in Spagna si fa riferimento ai Bonos, per esempio – e quelli tedeschi, ovvero quelli ritenuti più solidi e con i rendimenti più bassi. Più basso è il rendimento, appunto, e meno sono i rischi legati per gli investitori. Al contrario i titoli di Stato di un Paese che più difficilmente potrà saldare i propri debiti, avranno un rendimento più elevato.

Ma torniamo allo studio di Unimpresa. Come spiegato all’inizio, secondo il Centro Studi, se lo spread tra i Btp e i Bund rimanesse a lungo intorno alla soglia dei 200 punti, a causa degli interessi da pagare l’Italia si ritroverebbe a pagare circa 20 miliardi di euro in più rispetto quanto previsto nel Documento di Economia e Finanza dal Governo.

Per il 2017 e per il 2018 nel Def si prevede infatti una spesa per interessi compresa tra i 62 ed i 63 miliardi di euro l’anno, sostanzialmente in linea con i 68 miliardi del 2015 ed i 66,4 miliardi di euro del 2016, quando lo spread è oscillato tra i 96 punti di gennaio e i 156 di dicembre. Con uno spread superiore ai livelli del 2016 le stime andrebbero quindi riviste al rialzo.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia