Siria, Amnesty International: “Stop agli orrori nella prigione di Saydnaya” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Siria, Amnesty International: “Stop agli orrori nella prigione di Saydnaya”

“La prigione di Saydnaya è il posto in cui lo stato siriano massacra silenziosamente il proprio popolo”. Lo sostiene Amnesty International in un rapporto, Il mattatoio degli esseri umani: impiccagione di massa e sterminio nella prigione di Saydnaya, diffuso martedì 7 febbraio 2017. “Ogni settimana, tra le 20 e le 50 persone sono prelevate dalle proprie celle, per essere impiccate durante la notte. Circa 13.000 persone sono state uccise a Saydnaya dal 2011, nella massima segretezza”, denuncia Amnesty International. “Molte altre persone a Saydnaya sono state uccise dopo essere state ripetutamente torturate e sistematicamente private di cibo, acqua, medicine e assistenza medica. I corpi di coloro che sono stati uccisi a Saydnaya sono portati via in camion e sepolti nelle fosse comuni”. “È impensabile che tali pratiche sistematiche e su ampia scala non siano state autorizzate dai più alti livelli del governo siriano”, conclude Amnesty International.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, incontro Juncker-Conte in programma per mercoledì

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, incontrerà quello della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, per discutere della manovra italiana, mercoledì 12 dicembre, a Bruxelles. Lo ha…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, sono 164 i Paesi che hanno aderito al Global compact for Migration

Sono 164 i Paesi che hanno aderito per acclamazione, durante il vertice di Marrakech, al Global compact for Migration, il patto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Bruxelles: «L’accordo raggiunto non rinegoziabile»

«Il nostro assunto di lavoro resta che la Gran Bretagna lascerà l’Ue il 29 marzo 2019» e che l’accordo raggiunto sia «l’unico possibile», «non rinegoziabile»,…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May annuncia alla Camera dei Comuni il rinvio del voto sull’accordo

«Se il voto fosse andato avanti, sarebbe stato bocciato con ampio margine». Lo ha detto la premier britannica, Theresa May, motivando il rinvio del voto…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia