Riparte il mercato della pubblicità nel 2016: +1,7% su anno | T-Mag | il magazine di Tecnè

Riparte il mercato della pubblicità nel 2016: +1,7% su anno

La crescita riguarda soprattutto tv, radio e online. Calano invece gli investimenti su quotidiani e periodici
di Redazione

Ha registrato una crescita dell’1,7% il mercato degli investimenti pubblicitari nel 2016 rispetto al 2015, mentre nel mese di dicembre la raccolta è cresciuta dell’1,2%. È quanto emerge dalla ricerca fatta da Nielsen, che sottolinea come gli investimenti pubblicitari in Tv sono cresciuti del 4% nel mese di dicembre e hanno chiuso il 2016 con una crescita del 5,4%. Calano invece gli investimenti su quotidiani e periodici: nel singolo mesela diminuzione è dell’8,4% e del 9,3%, nell’intero 2016 del 6,7% e del 4%. Continuano a crescere gli investimenti nella radio, dove a dicembre la crescita registrata è stata del 15% e del 2,3% per l’intero 2016. Gli investimenti su internet aumentano principalmente su search e social (+3% a dicembre e +3,4% nell’intero 2016) che però attualmente non sono monitorati; mentre sul perimetro monitorato nel web, il calo è stato del 2,3% nell’intero 2016 e dell’1,2% nel mese di dicembre. La crescita degli investimenti pubblicitari nelle sale cinematografiche è stata buona sia a dicembre sia nei 12 mesi del 2016 dove la crescita è stata del 6,9%.

ipad-605440_1920

Entrando nel dettaglio dei settori merceologici, le telecomunicazioni hanno registrato un aumento del 4,8% nel 2016, la distribuzione dell’11,2% e i farmaceutici/sanitari del 7,7%, calano invece gli investimenti pubblicitari della finanza (-14%) e dell’abbigliamento (-5,9%). Ottima le crescita anche del settore automobilistico con una crescita del 5,9% nei 12 mesi, dell’industria/edilizia (+38,4%), tempo libero (+16,9%) e dell’abitazione (+6,3%).
Alberto Dal Sasso, managing director della Nielsen, ha precisato che la crescita è stata spinta da un maggior investimento medio su tutti i mezzi. “Il 2017 inizia con una buona spinta. Anche se privo di grandi eventi mediatici, l’anno beneficerà di un 2016 che ha visto il consolidamento degli investimenti da parte di aziende abituate a comunicare e che continueranno a farlo. Probabilmente saranno sacrificati i piccoli budget, ma in periodi di incertezza è una dinamica di mercato preferibile per una industry che sta affrontando un grande cambiamento in termini di innovazione tecnologica e organizzativa”, ha aggiunto Dal Sasso.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Pil al Nord in crescita dell’1,8%. Al sud dell’1,4%»

«Le stime preliminari indicano che nel 2017 il Prodotto interno lordo, a valori concatenati, ha registrato una crescita superiore alla media nazionale nel Nord-ovest e…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nigeria, scontri in villaggi: 86 le vittime

Gli scontri avvenuti in vari villaggi della Nigeria, tra agricoltori e pastori, ha provocato la morte di 86 persone. Il presidente Muhammadu Buhari ha lanciato…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Ifo in calo a 101,8 punti a giugno

Cala la fiducia delle imprese tedesche nel mese di giugno. Infatti, il dato è sceso a 101,8 punti dai 102,3 di maggio. Si tratta del…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, ennesimo trionfo per Erdogan

Recep Tayyip Erdogan ha vinto nuovamente le elezioni in Turchia. Il presidente uscente ha ottenuto il 52,5% dei voti. «La competizione non è stata equa,…

25 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia