Riparte il mercato della pubblicità nel 2016: +1,7% su anno | T-Mag | il magazine di Tecnè

Riparte il mercato della pubblicità nel 2016: +1,7% su anno

La crescita riguarda soprattutto tv, radio e online. Calano invece gli investimenti su quotidiani e periodici
di Redazione

Ha registrato una crescita dell’1,7% il mercato degli investimenti pubblicitari nel 2016 rispetto al 2015, mentre nel mese di dicembre la raccolta è cresciuta dell’1,2%. È quanto emerge dalla ricerca fatta da Nielsen, che sottolinea come gli investimenti pubblicitari in Tv sono cresciuti del 4% nel mese di dicembre e hanno chiuso il 2016 con una crescita del 5,4%. Calano invece gli investimenti su quotidiani e periodici: nel singolo mesela diminuzione è dell’8,4% e del 9,3%, nell’intero 2016 del 6,7% e del 4%. Continuano a crescere gli investimenti nella radio, dove a dicembre la crescita registrata è stata del 15% e del 2,3% per l’intero 2016. Gli investimenti su internet aumentano principalmente su search e social (+3% a dicembre e +3,4% nell’intero 2016) che però attualmente non sono monitorati; mentre sul perimetro monitorato nel web, il calo è stato del 2,3% nell’intero 2016 e dell’1,2% nel mese di dicembre. La crescita degli investimenti pubblicitari nelle sale cinematografiche è stata buona sia a dicembre sia nei 12 mesi del 2016 dove la crescita è stata del 6,9%.

ipad-605440_1920

Entrando nel dettaglio dei settori merceologici, le telecomunicazioni hanno registrato un aumento del 4,8% nel 2016, la distribuzione dell’11,2% e i farmaceutici/sanitari del 7,7%, calano invece gli investimenti pubblicitari della finanza (-14%) e dell’abbigliamento (-5,9%). Ottima le crescita anche del settore automobilistico con una crescita del 5,9% nei 12 mesi, dell’industria/edilizia (+38,4%), tempo libero (+16,9%) e dell’abitazione (+6,3%).
Alberto Dal Sasso, managing director della Nielsen, ha precisato che la crescita è stata spinta da un maggior investimento medio su tutti i mezzi. “Il 2017 inizia con una buona spinta. Anche se privo di grandi eventi mediatici, l’anno beneficerà di un 2016 che ha visto il consolidamento degli investimenti da parte di aziende abituate a comunicare e che continueranno a farlo. Probabilmente saranno sacrificati i piccoli budget, ma in periodi di incertezza è una dinamica di mercato preferibile per una industry che sta affrontando un grande cambiamento in termini di innovazione tecnologica e organizzativa”, ha aggiunto Dal Sasso.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia