Pil Italia +0,9%, Germania sotto le attese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pil Italia +0,9%, Germania sotto le attese

I risultati del nostro paese sono in linea con le stime dell'UE. In termini tendenziali la crescita della Francia è dell'1,1%
di Redazione

Nel 2016 il PIL corretto per gli effetti di calendario è aumentato dell’1%, ma la variazione annua sui dati trimestrali grezzi è invece pari a +0,9% (nel 2016 vi sono state due giornate lavorative in meno rispetto al 2015). Lo rende noto l’Istat che sottolinea che i risultati dei conti nazionali annuali per il 2016 saranno diffusi il 1° marzo, mentre quelli trimestrali coerenti con i nuovi dati annuali verranno comunicati il 3 marzo.

crisi-economica3

Nel quarto trimestre del 2016 il prodotto interno lordo, espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell’1,1% nei confronti del quarto trimestre del 2015.
Il quarto trimestre del 2016 ha avuto tre giornate lavorative in meno del trimestre precedente e due in meno rispetto al quarto trimestre del 2015.
La variazione congiunturale è la sintesi di un aumento del valore aggiunto nei settori dell’industria e dei servizi e di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell’agricoltura. Dal lato della domanda, vi è un contributo positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un apporto negativo della componente estera netta. Nello stesso periodo il PIL è aumentato in termini congiunturali dello 0,5% negli Stati Uniti, dello 0,6% nel Regno Unito e dello 0,4% in Francia. In termini tendenziali, la crescita è stata del 2,2% nel Regno Unito, dell’1,9% negli Stati Uniti e dell’1,1% in Francia.

LA GERMANIA ACCELERA NEL QUARTO TRIMESTRE, MA RESTA SOTTO LE ATTESE
Per quanto riguarda la prima economia europea, la Germania, nel quarto trimestre del 2016 il PIL ha messo a segno un aumento dello 0,4% su base trimestrale. Il dato è peggiore delle attese degli analisti, che si aspettavano una crescita dello 0,5%. Il progresso è comunque evidente dato l’incremento dello 0,1% del trimestre precedente. A influire positivamente il contributo positivo della domanda interna. Su base annuale il PIL tedesco fa segnare una crescita dell’1,2%, ma anche in questo caso la stima degli analisti era superiore: +1,7%.

EUROZONA
Nell’ultimo periodo del 2016 la crescita nell’area dell’euro è risultata stabile, con il PIL a +0,4% rispetto ai tre mesi precedenti e +1,7% su base annua (dati Eurostat).

 

Scrivi una replica

News

Commercio, Ue: «Dal 22 giugno in vigore contromisure ai dazi Usa»

«La Commissione europea ha adottato oggi il regolamento che istituisce le contromisure dell’Ue in risposta ai dazi statunitensi su acciaio e alluminio. Le misure riguarderanno…

20 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, per la prima volta dal 2011 flussi migratori verso i Paesi Ocse in calo

«Per la prima volta dal 2011, i flussi migratori verso i Paesi dell’OCSE sono in leggera diminuzione, con l’ingresso di circa 5 milioni di migranti…

20 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Onu, gli Stati Uniti si sono ritirati dall’UNHCR

Gli Stati Uniti hanno abbandonato l’UNHCR, il Consiglio dei Diritti Umani dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Lo ha annunciato l’ambasciatrice americana all’Onu, Nikki Haley. Gli Usa…

20 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alitalia, via libero definitivo della Camera al decreto

L’Aula della Camera dei deputati ha dato il via libera definitivo al decreto legge Alitalia. I voti a favore sono stati 512, nessuno contrario. Trenta…

20 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia