Le malattie fisiche e mentali associate al suicidio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le malattie fisiche e mentali associate al suicidio

L'analisi descrittiva dell'Istat relativa al periodo 2011-2013
di Redazione

Per la prima volta l’Istituto nazionale di statistica presenta una analisi descrittiva delle malattie fisiche e mentali associate al suicidio dal 2011 al 2013. Dallo studio emerge che dei 12.877 suicidi avvenuti nel triennio, 2.812 riguardano le donne e 10.065 gli uomini. Circa un suicidio su cinque, pari a 2.401 decessi, presenta una morbosità associata rilevante. I suicidi certificati con menzione di un solo stato morboso rilevante sono stati: 499 dovuti da uno stato morboso fisico, 1.166 da uno stato di depressione e 366 da altre malattie mentali. I decessi certificati da due stati morbosi rilevanti sono stati: 207 dovuti da uno stato morboso fisico e di depressione, 62 da uno stato morboso fisico e da altre malattie mentali e 132 da una depressione e da altre malattie mentali. Invece, i suicidi causati da tre stati morbosi rilevanti sono stati 19, causati da uno stato morboso fisico, da depressione e da altre malattie mentali.
La frequenza di stati morbosi rilevanti, sottolinea l’Istat, è più alta nell’aumentare dell’età e nelle donne dove la proporzione di suicidi con morbosità associata è del 27% nelle donne e del 16% negli uomini.

depressione

La presenza di malattie fisiche rilevanti è certificata in 737 suicidi dove, 288 presentano anche una malattia mentale, principalmente depressione. La presenza di sole malattie mentali è stata certificata in 1.664 suicidi. I suicidi con menzione di malattie mentali sono certificati maggiormente nelle donne, specialmente in quelle di età compresa tra i 35 e i 64 anni, fascia in cui le donne decedute sono state il 23% contro il 10% degli uomini, e in quella degli ultra-sessantacinquenni dove il 20% sono donne e il 10% uomini. Minori differenze di genere si osservano nel caso delle malattie fisiche, che si presentano con una proporzione simile per maschi e femmine fino ai 65 anni, mentre tra gli ultra-sessantacinquenni risulta leggermente più alta tra gli uomini dove sono il 12% contro il 10%. Secondo lo studio circa il 50% dei suicidi avviene in casa, di cui il 57% dei suicidi associati a malattie mentali, invece il 30% dei suicidi certificati con malattie fisiche avviene in strutture di cura. Al Nord e al Centro è stato registrato il maggior numero di suicidi associati a stati morbosi rilevanti. Le vie scelte per il suicidio nei casi di malattie fisiche, sono l’utilizzo di armi, auto-avvelenamento o oggetti appuntiti. Mentre nel caso di malattie mentali è maggiore la propensione all’utilizzo di metodi che provocano asfissie traumatiche, cioè impiccamento, strangolamento, soffocamento o annegamento.

 

Scrivi una replica

News

Il tribunale di Roma ha revocato il blocco del servizio Uber Black

Il tribunale di Roma ha revocato oggi venerdì 26 maggio l’ordinanza del 7 aprile con cui era stato disposto il blocco sul territorio nazionale del…

26 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

G7, Tusk: “Non c’è dubbio: sarà il vertice più difficile”

“Non c’è dubbio che è il più difficile dei G7”. Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, intervenendo in occasione di una…

26 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

G7, Gentiloni: “Ci sarà una dichiarazione importante sul terrorismo”

“La straordinaria storia e bellezza che ci circonda credo possa dare un contributo molto importante ai leader del G7 e aiutare la comunità internazionale a…

26 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: fatturato servizi +1,6% nel primo trimestre 2017

Nel primo trimestre del 2017 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) aumenta dell’1,6%…

26 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia