Dal Cdm via libera preliminare a due decreti correttivi della riforma della P.a. | T-Mag | il magazine di Tecnè

Dal Cdm via libera preliminare a due decreti correttivi della riforma della P.a.

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al decreto Madia, secondo cui si potrà procedere al licenziamento lampo dei cosiddetti “furbetti del cartellino” colti in fragrante, ovvero quei dipendenti della pubblica amministrazione che strisciano il proprio badge per simulare l’ingresso al posto di lavoro.

In una nota diffusa dalla Presidenza del Consiglio di Ministri si legge infatti che “il Consiglio dei ministri, su proposta della Ministra per la semplificazione e la pubblica amministrazione Maria Anna Madia, ha approvato, in esame preliminare, due decreti legislativi contenenti disposizioni integrative e correttive ai decreti di attuazione della riforma della Pubblica Amministrazione (legge 7 agosto 2015, n. 124) e al testo unico in materia di società a partecipazione pubblica (decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175). […] Di seguito i provvedimenti nel dettaglio.
Licenziamento disciplinare
Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 20 giugno 2016, n.116, recante modifiche all’articolo 55-quater del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, in materia di licenziamento disciplinare, a norma dell’articolo 17, comma 1, lettera s), della legge 7 agosto 2015, n. 124.
Le principali novità sono le seguenti: si prevede un maggior termine per esercitare l’azione di risarcimento per i danni di immagine alla PA provocati dalle condotte fraudolente punite dal licenziamento. La denuncia al Pubblico Ministero e la segnalazione alla competente Procura regionale della Corte dei conti avverrà, ora, entro 20 giorni (non più 15) dall’avvio del procedimento disciplinare in modo da evitare un eccessivo accavallamento dei termini e delle procedure poste a carico delle pubbliche amministrazioni. Lo stesso avverrà per il caso in cui la Procura della Corte dei conti, quando ne ricorrono i presupposti ed entro 150 giorni (non più 120) dalla conclusione della procedura di licenziamento, potrà procedere per danni di immagine della PA nei confronti del dipendente licenziato per assenteismo. La finalità è di garantire maggiore certezza e una più netta separazione tra il procedimento disciplinare a carico del dipendente (che si svolge presso l’Ufficio competente per i procedimenti disciplinari) e il conseguente procedimento per danni di immagine alla PA (che si svolge presso la Procura generale della Corte dei conti); si prevede l’obbligo di comunicazione dei provvedimenti disciplinari all’Ispettorato per la funzione pubblica entro 20 giorni dall’adozione degli stessi: ciò, al fine di consentire il monitoraggio sull’attuazione della riforma, anche per adottare ogni possibile strumento che ne garantisca la piena efficacia.”.

 

Scrivi una replica

News

Francia, nel 2016 il Pil è cresciuto dell’1,1% rispetto all’anno precedente

Nel quarto trimestre del 2016, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto sia su base trimestrale (+0,4%) quanto su quella annuale (+1,1%). Lo ha…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portogallo, nel 2016 rapporto tra deficit e Pil in calo al 2,1%

Nel 2016, il rapporto tra il deficit e il Prodotto interno lordo portoghese era pari al 2,1%, in calo dopo il 4,4% dell’anno precedente. Lo…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Non vogliamo un’ Europa divisa”

“Non vogliamo una Europa divisa, l’Europa è unita e indivisibile, ma vogliamo anche andare avanti su una idea comune di Europa, in aree ad esempio…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dombrovskis: “L’Italia ha una ripresa modesta”

“L’Italia avrà quest’anno una crescita di circa l’1%. E’ una ripresa modesta, è molto importante rimanere in rotta rispetto alla traiettoria fiscale e di riforme”.…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia