Perché è importante colmare il gender gap | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché è importante colmare il gender gap

Secondo un'analisi condotta da General Electric una riduzione del Technology Gender Gap garantirebbe un aumento del 5-12% del Pil dei Paesi Ocse
di Redazione

Un obiettivo ambizioso: colmare il Technology Gender Gap entro il 2020. Una strategia – messa in campo da General Electric, multinazionale statunitense attiva nel campo delle tecnologie e dei servizi alle aziende – che se portata avanti con successo potrebbe generare un aumento del Pil dei Paesi Ocse compreso tra i 5% ed il 12%.

donne_lavoro

Il programma, spiega la stessa azienda, punta ad aumentare in modo significativo la presenza di donne nei comparti manageriali, della progettazione e della produzione delle industrie digitali, in modo da favorire ulteriormente la produttività e la capacità di innovare delle aziende stesse.
Secondo un’analisi condotta da General Electric, ad oggi negli Stati Uniti solo il 14% degli ingegneri e appena il 25% di tutti professionisti IT è donna. Un gap che trova conferma anche a livello accademico: mentre, in generale, le donne costituiscono il 55% dei laureati totali, la percentuale in ambito informatico scende al 18%. O ancora: tra i principali gruppi attivi nel comparto tecnologico, le donne rappresentano solo una quota compresa tra il 13% e il 24% della forza lavoro e solo nel 17-30% dei casi occupano una posizione di leadership.
Eppure, spiega ancora GE citando uno studio del MIT (Massachusetts Institute of Technology), una maggiore gender diversity potrebbe aumentare il fatturato delle aziende del settore del 41%.
Un dato quest’ultimo che trova conferma anche in uno studio condotto qualche tempo fa da McKinsey, la presenza di donne in posizioni aziendali di rilievo garantirebbe un profitto annuo del 15% superiore alla media nazionale del settore. Una buona notizia per l’Italia, visto che, secondo Credit Suisse, il nostro Paese è quarto al mondo per la presenza di donne nei Cda aziendali.
Secondo altre stime, indicate sempre nell’analisi dei General Electric, “le aziende caratterizzate da una maggiore diversità di genere conseguono risultati migliori del 53% rispetto alle altre, tra cui un aumento del 35% del ROE e un aumento del 34% in rendimenti totali”.

 

Scrivi una replica

News

Elezioni, Orlando: “Surreale l’idea che divisi si è più forti”

“Se si dialoga non c’è frammentazione. Il problema è che non si dialoga quanto si dovrebbe. C’è uno sforzo da fare per impedire che vinca…

21 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Battista: “Non mi candiderò alle prossime elezioni”

“In maniera molto leale e sincera sono qui per darvi una notizia: ho deciso Di non ricandidarmi in Parlamento alle prossime elezioni. E’ una scelta…

21 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2017 Pil in aumento dell’1,5% in termini reali”

“Nel 2017 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) pari all’1,5% in termini reali”. Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso…

21 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Rohani: “Annientate le fondamenta dell’Isis”

Il presidente iraniano Hassan Rohani ha dichiarato in diretta tv che le fondamenta dell’Isis sono state annientati. “Gli atti diabolici del gruppo terroristico sono finiti,…

21 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia