Prosegue la fase espansiva dell’economia italiana | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prosegue la fase espansiva dell’economia italiana

A febbraio l'indice Pmi manifatturiero calcolato da Markit è passato a 55 punti dai 53 di gennaio, si tratta del valore più alto dal dicembre del 2015 e il terzo più alto dal 2011. Intanto l'Istat conferma la crescita dello 0,9% per il 2016
di Redazione

L’economia italiana sembra aver ingranato la marcia giusta. Dopo la crescita del Pil registrata a fine 2016, anche nel 2017 sembra proseguire la fase espansiva del Paese. A confermarlo gli ultimi dati di Markit economics, che indicano un nuovo aumento dell’indice Pmi manifatturiero.

lavoro_imprese

L’indice calcolato dalla società londinese è un indicatore – utilizzato dalle banche centrali, dalle aziende, e dalle istituzioni di tutto il mondo – che aiuta a capire l’andamento economico (e a prevederne gli scenari futuri) di un Paese (in questo caso dell’Italia) o di un’area, basandosi su una serie di indicatori – come la produzione, l’occupazione, gli ordinativi e le scorte – del settore manifatturiero.
Le ultime rilevazioni presentano infatti un nuova accelerazione dell’indice Pmi, passato a 55 punti a febbraio contro i 53 di gennaio, raggiungendo il valore più alto dal dicembre del 2015 ed il terzo più alto dall’aprile 2011. Nel resoconto mensile Markit spiega poi che, il forte incremento di nuovi ordini registrato a febbraio, ha comportato il maggior aumento della produzione manifatturiera italiana dalla fine del 2015. I buoni risultati messi a segno nei primi due mesi dell’anno, insieme al ritrovato ottimismo sulle prospettive di attività per l’intero 2017, hanno portato anche ad una forte crescita occupazionale nel settore manifatturiero: la più elevata dalla fine del 2000.
In effetti, un miglioramento della fiducia del settore manifatturiero è stato riscontrato anche dalle rilevazioni periodiche dell’Istat riguardanti il clima di fiducia delle imprese. A febbraio l’Istituto – a fronte di un calo della fiducia dei consumatori da 108,6 punti a 106,6 – ha registrato una crescita di quella delle imprese di quasi un punto (da 103,3 a 104), raggiungendo il livello più elevato dal gennaio scorso. In particolare l’indice delle imprese manifatturiere è passato da 105 a 106,3 punti, con un miglioramento dei giudizi sugli ordini (da -10 a -6) e di quelli sulle scorte di prodotti finiti (dai 3 di gennaio ai 4 del mese considerato).
D’altronde, anche nel 2016, l’industria è il settore che ha registrato l’aumento del valore aggiunto maggiore tra i principali settori di attività economica. Stiamo parlando di un +1,3% contro il +0,6% dei servizi e il calo dello 0,7% e dello 0,1% dell’agricoltura e delle costruzioni. Più precisamente, nell’ultimo resoconto sull’andamento del Pil (che conferma la crescita dello 0,9% per il 2016) l’Istat indica un aumento del valore aggiunto del settore manifatturiero di 1,1 punti percentuali.

 

Scrivi una replica

News

Venezuela, il Tribunale supremo di Giustizia ha tolto il potere legislativo al Parlamento

Il Tribunale supremo di Giustizia venezuelano, controllato dal governo, ha tolto al Parlamento venezuelano, controllato dall’opposizione, il potere legislativo. Il Tribunale ha assunto tutte le…

30 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “L’Italia finalmente vede segnali importanti di ripresa economica”

“L’Italia finalmente vede segnali importanti di ripresa economica, e anche di fiducia”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, intervenendo in occasione della…

30 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Juncker: “La Brexit non è la fine, anche se a Trump piacerebbe fosse così”

“La Brexit non è la fine di tutto. La dobbiamo rendere l’inizio di qualcosa di nuovo, più forte e migliore. Non è la fine”. Lo…

30 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, Gentiloni: “Dazi? La qualità non ha frontiere”

“La qualità non ha frontiere: dazi, protezionismi, chiusure non possono essere barriere che mettono un freno, un muro alla qualità”. Lo ha detto il presidente…

30 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia